Politica / Parlamento

Commenta Stampa

I legali cercano di evitare l'interrogatorio

Casa Colosseo, Scajola prepara memoria difensiva

L'ex ministro è indagato dalla Procura di Roma

Casa Colosseo, Scajola prepara memoria difensiva
31/08/2011, 18:08

MILANO – Una memoria difensiva per evitare l'interrogatorio dai pm. Si stanno muovendo in questa direzione i legali dell’ex ministro allo Sviluppo economico, Claudio Scajola indagato dalla procura di Roma per la compravendita di un appartamento nei pressi del Colosseo. Il dossier, stando a quanto riferiscono gli inquirenti, rappresenterebbe un modo per rispondere agli interrogativi posti dai pubblici ministeri evitando al parlamentare il passaggio in procura. Per Scajola è stato, infatti, emesso un invito a comparire davanti ai giudici per il 21 settembre prossimo.

All’ex ministro, viene contestata la violazione dell'articolo 7 della legge sul finanziamento dei partiti, legge relativa al finanziamento illecito al singolo parlamentare. In particolare si fa riferimento all' acquisto ed ai successivi lavori di ristrutturazione dell'immobile, in via del Fagutale  a Roma, pagati in gran parte da Diego Anemone. Per l'ipotesi di accusa, tale intervento dell'imprenditore rappresenta un beneficio illecito.

L'invito a comparire era stato emesso anche per interrompere i tempi della prescrizione. Tale provvedimento, infatti, ha consentito di portare da sei a sette anni e mezzo il termine entro il quale il reato contestato si estingue.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©