Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Granata al Fatto:"Solo una grande Patacca"

Casa di Montecarlo, la carta intestata è un falso


Casa di Montecarlo, la carta intestata è un falso
23/09/2010, 21:09

ROMA - Da mesi, i giornali berlusconiani, provano in maniera ossessiva a delegittimare l'ex alleato del Pdl Gianfranco Fini. Il tentativo d'infangamento, fin'ora obiettivamente goffo e dotato di scarso appeal anche nei confronti dei lettori più affezionati, viene portato avanti aggrappandosi in maniera quasi disperata a presunte speculazioni che l'ex leader di An avrebbe operato attraverso la vendita ed il successivo fitto al cognato Gianfranco Tulliani di un appartamento donato da una nobildonna proprio ad Alleanza Nazionale.
Il presidente della Camera, fin dai suoi primi disguidi dialettici con il Premier, è stato così vittima di una vera e propria persecuzione editoriale; di un martellamento perpetuo di foto, inchieste e titoli in prima pagina che recitavano a caratteri cubitali:"Gli Italiani vogliono sapere della casa di Montecarlo di Fini".
Oggi, come riporta anche l'AdnKronos, il membro di Fli nonchè deferito dal Pdl, Fabio Granata, rilascia al Tg1 una dichiarazione che ha del clamoroso:"Il documento prodotto dal quale si evinceva che la societa' off-shore fosse di proprieta' di Tulliani e' una grande patacca, perche' il governo di Santa Lucia, che e' stato raggiunto da redattori de 'Il Fatto quotidiano', ha ufficialmente smentito che quella carta intestata sia la carta intestata ufficiale della stamperia di Stato di Santa Lucia".
"Ma - anticipa Granata - abbiamo il nome, che nei prossimi giorni nelle forme adeguate comunicheremo, della persona che si e' premurata di costruire questo ulteriore tassello di una grande questione fondata sulla menzogna".
Del resto, come spiega in un articolo lo stesso quotidiano diretto da Antonio Padellaro "creare una patacca a nome del governo di Saint Lucia non e' poi cosi' difficile. Per creare la propria lettera 'personale e riservata', intestata ad un qualsiasi ufficio del governo, basta andare sul sito della National Printing Corporation - www.slugovprintery.com - la stamperia che rifornisce ufficialmente il governo del paradiso fiscale di tutte le carte intestate, modelli, e persino stampa le leggi, e scaricare il corrispettivo form, disponibile in bassa risoluzione come in un qualsiasi campionario. Si trova qualsiasi cosa, anche il modello per dichiarare l'influenza al ministero della Sanita'".
Tanto per fare un esempio, il modello prestampato  dell'Attorney's General' con cui e' stata scritta la lettera
che  dovrebbe incastrare Fini, e' agevolmente reperibile on-line. "E' il modello che viene fornito alle segreterie dei ministri - conclude il finiano-
e, dicono da Saint Lucia, non e' modificabile".
Ad ulteriore conferma della notizia, arriva anche la dichiarazione rilasciata dall'assistant account dell'azineda succitata, Junior Amabile, direttamente ai cronisti del Fatto:"'Siamo solo noi a stampare le carte ufficiali - spiega infatti Amable - non facciamo carte digitali e non mi ricordo che ci abbiano chiesto mai di cambiarle".
Insomma: i pochi e confusi documenti emersi da mesi e mesi di accanito dossieraggio, stando a ciò che dichiarano gli stessi titolari delle aziende interrogate, sarebbero frutto di un falso clamoroso quanto grossolano. Di sicuro, comunque, nessun italiano sano di mente metterebbe al primo posto tra le priorità informative le presunte magagne immobiliari del presidente della Camera; siano essere veritiere o del tutto inventate da chi da tempo ha dimenticato cosa sia il giornalismo; o magari non lo ha mai saputo sul serio.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©