Politica / Regione

Commenta Stampa

Casalvelino, al via la campagna elettorale di Grillo e Vigliar (Ps-S.E.L.)


Casalvelino, al via la campagna elettorale di Grillo e Vigliar (Ps-S.E.L.)
15/03/2010, 13:03

CASALVELINO - Apertura della campagna elettorale a Casalvelino per Angelo Grillo e Maria Laura Vigliar, candidati al consiglio regionale con il Partito socialista- Sinistra Ecologia e Libertà.
Domenica 14 marzo al ristorante Il sole i due esponenti del partito socialista hanno presentato in Cilento la propria candidatura. Presenti a sostenere i compagni di partito Gaspare Ridolfi, Ermidio Leoni, Antonello Scuderi, Franco Aita, Franco Ciccarino e Raffaele Cammarano.
I due candidati nel corso dell’incontro hanno più volte evidenziato come non esista rivalità tra le loro candidature, per la possibilità, garantita dalla nuova legge elettorale, di esprimere un voto congiunto per due candidati di sesso diverso.
Raffaele Cammarano, presidente dell’ Iacp, ha spiegato così le ragioni della candidatura di Angelo Grillo e Maria Laura Vigliar:«Siamo arrivati a queste due proposte in seguito ad un ragionamento ben preciso, finalizzato ad individuare dei candidati capaci di confrontarsi con il centro sinistra ma anche di rapportarsi perfettamente con il centrodestra in modo tale che i socialisti possano essere un concreto progetto e una reale prospettiva non solo per noi compagni di partito ma soprattutto per la Campania.». Antonello Scuderi ha invece evidenziato la grande contraddizione di questa campagna elettorale:«C’è un candidato alla presidenza che si dichiara socialista, ma è il candidato del centrodestra. E non può esserci mistificazione più grande di questa perché noi socialisti dal centrodestra siamo incommensurabilmente diversi per le nostre posizioni sul lavoro, sui diritti civili, sulla scuola e sul welfare. In questa campagna si stanno creando nuovi e importanti equilibri: il segretario Nencini mercoledì prossimo sarà ospite del centrosinistra salernitano, e non di quello napoletano. I socialisti ne hanno abbastanza di essere i parenti poveri del centrosinistra, perché sono consapevoli che senza socialismo un paese non può vivere.»
Maria Laura Vigliar spiega come vive la sua candidatura: « Per me, iscritta al partito da quando avevo diciotto anni, è una testimonianza di appartenenza e un’espressione di militanza. So che è una sfida difficile ma si può vincere perché abbiamo dalla nostra la forza delle idee e dei valori del socialismo.»
Angelo Grillo parte invece da lontano, da quella alleanza tra i meriti e i bisogni, che, proposta nel1982, ha attualmente bisogno di nuova linfa:« Oggi l’area del bisogno, sebbene più difficile da percepire, va allargandosi a causa di una crisi che c’è e che investe grande parte della società; l’ area del merito – e sto pensando a tutte quelle menti brillanti che vanno ad ingrossare tristemente le fila del proletariato intellettuale –, allo stesso modo, non trova capacità alcuna di avere risposte. È questa la prima alleanza che dobbiamo ricreare, per non dimenticate le fasce più deboli e quelle migliori della nostra società. Purtroppo negli anni si è creato un distanziamento dai processi della politica e il confronto, se così può ancora chiamarsi, avviene solo attraverso il tubo catodico. Io personalmente mi sento offeso quando qualcuno pensa di sapere cosa è bene o male per me e mi sento di lanciare una provocazione: la vecchia separazione, storicamente intesa, tra destra e sinistra sta scomparendo. Ora i nuovi allineamenti sono “grande” contro “piccolo”, globalizzazione contro localizzazione. Io ritengo utile, anzi necessaria, la globalizzazione della cultura, della scienza, della ricerca; ma la vita è là dove vivo, dove sono, dove partecipo e sento di esistere, ed è la che si deve sviluppare il governo dei miei bisogno presenti e futuri. Evitare ogni globalizzazione di governo per prestare attenzione ai reali bisogni, penso che questo, oggi, è essere socialisti.»

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©