Politica / Parlamento

Commenta Stampa

CASARTIGIANI: POZZUOLI RIMONTA LA PROTESTA DEGLI IMPRENDITORI


CASARTIGIANI: POZZUOLI RIMONTA LA PROTESTA DEGLI IMPRENDITORI
15/10/2008, 12:10

 

Con l’insediamento della giunta comunale di Pozzuoli dopo la lunga e mortificante parentesi del commissariamento prefettizio, i problemi della Città e gli affanni della classe imprenditoriale proseguono ad affossare l’economia, lo sviluppo e l’occupazione locale, con grande delusione di Casartigiani che molta fiducia aveva riposto nel ripristino dell’autogoverno della Città.
 
Fino ad oggi nessun tavolo istituzionale e/o di concertazione è stato aperto con le forze sociali ed imprenditoriali, ciò nonostante numerose richieste e sollecitazione inviate. Molta concertazione è stata fatto solo nel momento elettorale e questo rammarica ancor di più buona parte della cittadinanza e gran parte dell’imprenditoria puteolana.
 
“L’Amministrazione Comunale” – afferma Giovanni Falcetti presidente di Casartigiani Pozzuoli – “ha annunciato subito dopo il suo insediamento e con grande enfasi progetti ammirevoli per la città di Pozzuoli, ma nessuno di questi inizia a vedere la luce o quanto meno l’avvio. I problemi si riconfermano sempre gli stessi, tra cui: parcheggi, viabilità e sicurezza, in più si aggiunge uno ricercato proprio dall’Amministrazione, ovvero l’annunciata chiusura del centro storico con grave danno per le attività imprenditoriali in esso ubicate”.
 
Casartigiani non si dice contraria a priori sulla chiusura del centro storico, ma vorrebbe se non proprio concordare, quanto meno conoscere quali strumenti siano stati ipotizzati per garantire il buon accoglimento dei flussi turistici e commerciali, nonché le misure di salvaguardia alla corretta fruizione dei servizi offerti da Artigiani e Commercianti che rischierebbero essere destinati all’isolamento.
 
“Non vogliamo riaprire una stagione di proteste” – ha dichiarato Antonio Lavagna Segretario Casartigiani Pozzuoli – “serrate, cortei e agitazione delle categorie, farebbero male prima alla cittadinanza e poi alla giunta, siamo però fortemente determinati a vedere il cambiamento, il ripristino di regole chiare nel pieno rispetto dei ruoli e delle funzioni delle parti. Se il Sindaco e la Giunta non sapranno cogliere tale apertura e saranno ulteriormente sordi a questo ennesimo appello al dialogo, Casartigiani si farà promotrice senza ulteriore indugio con i colleghi ed amici della Confesercenti e delle altre realtà associative di un’azione di rivendicazione che avrà eco in campo regionale, poiché istigata dalla disperazione di vedersi ancora una volta soli a reggere l’economia locale tra mille difficoltà irrisolte per incapacità o indifferenza politica”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©