Politica / Politica

Commenta Stampa

Resta l'opzione Monti. "Folle voto anticipato"

Casini apre a Bersani ma ritratta: "Politiche? Sì, ma nel 2013"

"Il Pdl si svegli"

Casini apre a Bersani ma ritratta: 'Politiche? Sì, ma nel 2013'
27/06/2012, 09:06

Pier Ferdinando Casini, all'indomani della svolta a sinistra e della proposta di un patto tra moderati e progressisti nell'interesse del Paese, precisa i contorni della sua proposta ben attento a spiegare che il passaggio ''da un governo tecnico ad un governo con connotazioni politiche, che unisca le forze migliori del Paese'', ovviamente e' un progetto per il 2013. E, per quando sara', e' del tutto normale che il Pd ambisca ad avere un suo candidato. Casini ammette che il suo timore di elezioni in autunno e' forte. ''Sarebbe folle, ma le temo, sarebbero il segno preoccupante di un'Italia che smarrisce la sua strada. Io sento preoccupanti sintomi di regressione - prosegue - sento una irresponsabilita' crescente, molti stanno facendo calcoli sulle spalle del Paese. Non c'e' per l'Italia un negoziatore migliore di Monti. Se a Bruxelles il vertice va bene, meglio. Se va male dovremo sostenere Monti ancora di piu', perche' sarebbe irresponsabile togliergli la fiducia anche se temo che ci sia chi vuole farlo''.
''I numeri in democrazia hanno una valenza e plausibilita'. Non mi meraviglia che il partito di maggioranza relativa possa fare un'indicazione imperniata su di se''', risponde Casini alla domanda se il candidato potra' essere Bersani. ''Ma c'e' anche la possibilita' di una scelta terza, come e' stato per Monti - aggiunge subito - che non credo andra' a rinchiudersi in un cantuccio. Il discorso si fara' a tempo debito, per ora non c'e' una legge elettorale, non si sa se andra' indicato il premier, parlarne e' insulso oltre che prematuro''. I moderati non intendono intromettersi nelle primarie del Pd, ma Casini ha le sue preferenze. ''Noi siamo i moderati. Le primarie sono un problema del Pd e io rispetto le loro scelte. Rispetto tanto Bersani quanto Renzi. Bersani pero' lo vedo piu' incardinato come uomo di sinistra, non cambia idea ogni giorno come invece adesso capita a molti. Renzi fa un discorso piu' generazionale. Io da vecchio dinosauro un po' lo invidio, lo vedo giovane e provo nostalgia''.
Piu' possibilista sull'alleanza con Sel, Casini esclude invece quella con l'IDV. ''Di Pietro ritiene il governo di Monti in continuita' con quello di Berlusconi, io non sono affatto d'accordo e credo neppure Bersani. Di Pietro ha fatto chiarezza su tutto, non c'e' bisogno di aggiungere altro''. Chiarito che i rapporti con Fini, con il quale ha avuto ieri un incontro, sono ottimi e ''c'e' piena sintonia'', Casini ammette di non aver ancora rinunciato ad un Pdl 'deberlusconizzato'. ''Se il Pdl potra' stare nel patto per salvare l'Italia? Bisogna chiederlo a loro. Berlusconi con quello che dice si tira fuori da qualsiasi responsabilita' nazionale. Alfano e' invece responsabilissimo, ma non so se e' in condizione di fare la svolta che in molti nel Pdl chiedono, se Berlusconi torna a dare le carte. E quanto al fatto che per Berlusconi io mi portero' dietro solo il 10 per cento del mio elettorato, devo dire che mi sta allungando la vita, visto che in questi anni io i voti li ho guadagnati, mentre lui li ha dimezzati''. ''Ai tanti del Pdl che mi dicono 'bravo, veniamo anche noi con te - conclude il leader Udc - dico 'ragazzi, datevi una sveglia'. Perche' mezza destra europea stava con Hollande, il mondo e' cambiato, Alfano e' serio e perbene ma non si puo' tornare alle telenovelas del passato''.
 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©