Politica / Politica

Commenta Stampa

"Il Governo non ha trovato il tempo di vigilare sul caso"

Caso Finmeccanica, Grillo: "Paese sta franando"

Il comico: "Monti si levi dai piedi con il suo cagnolino"

Caso Finmeccanica, Grillo: 'Paese sta franando'
12/02/2013, 18:39

ROMA - Il nuovo caso Finmeccanica indica che “c’è un problema di onestà dei cosiddetti manager e di chi li ha messi al loro posto (in cambio di che?), c’è un problema enorme di mancanza di senso dello Stato”. Così Beppe Grillo sul suo blog dove aggiunge: “Il Paese sta franando”. “Chi doveva vigilare se non il Tesoro e quindi il Governo?” chiede Grillo che continua: “Rigor Montis” “non ha trovato il tempo per farlo. Si tolga dai piedi, porti il suo cagnolino al parco, ha già fatto abbastanza danni”. “La notizia dell'arresto dell'amministratore delegato di Finmeccanica, Giuseppe Orsi, per corruzione internazionale, non mi ha sorpreso. Così come non mi ha sorpreso il fallimento del Monte Paschi di Siena con 21 miliardi di perdita di valore (un buchino...) o dell'amministratore delegato dell'Eni, Paolo Scaroni, ufficialmente indagato per corruzione per una tangente di 200 milioni di euro per appalti algerini” confessa Grillo. “Ucci, ucci, sento odor di partitucci spinti da una fame atavica e inestinguibile” ironizza il leader del Movimento % Stelle che continua: “dopo aver occupato ogni spazio, ogni poltrona, si stanno spolpando le società gestite dalle Fondazioni in cui sono presenti, come è il caso di Siena, o lottizzando le aziende partecipate dal Tesoro. Finmeccanica è il secondo gruppo manifatturiero italiano dopo la Fiat, ha circa 70 mila dipendenti e 17 miliardi di ricavi annui ed è partecipata dal Tesoro per il 32,4%. Le nomine in questo gruppo, fondamentale per la tenuta economica del Paese, non sono state fatte per merito, ma per nomina partitica”. “Rigor Montis, come un pappagallo sul trespolo - ha dichiarato questa mattina, dopo l'arresto di Orsi - c’è un problema relativo alla governance che affronteremo. In un anno e passa di governo con una maggioranza assoluta in Parlamento non ha evidentemente trovato il tempo per farlo” sottolinea Grillo che attacca: “Si tolga dai piedi, porti il suo cagnolino al parco, ha già fatto abbastanza danni2. Anche perché, se è vero che c’è “un bel problema di governance, quindi di controllo” è anche vero che “chi doveva vigilare se non il Tesoro e quindi il Governo? Qui più che un problema di governance, c’è un problema di onestà dei cosiddetti manager e di chi li ha messi al loro posto (in cambio di che?), c’è un problema enorme di mancanza di senso dello Stato. Il Paese sta franando. Il 23 e il 24 febbraio mandiamoli tutti a casa”.

Poi alza il tiro: “Monti ha detto che io voglio ridurre l'Italia come la Grecia. Ah, io l'avrei ridotta così? L'hanno ridotta così quelli come te!”. Lo ha detto Beppe Grillo intervenendo a Bergamo, di fronte a circa 2.500 persone. 2Lo vedete Monti che accarezza il cane e che sale in politica con Fini e Casini? Ma cosa dice? - ha aggiunto Grillo - E' in preda al panico. E tutti hanno paura, ecco perché si stanno unendo come il trenino dell'amore”.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©