Politica / Politica

Commenta Stampa

D'Alema: "Il ministro non ha commesso alcun illecito"

Caso Ligresti, Napolitano e Letta difendono la Cancellieri

Cancellieri: "Non ho mai mentito al Parlamento e ai pm"

Caso Ligresti, Napolitano e Letta difendono la Cancellieri
16/11/2013, 12:49

ROMA - Mentre sta affrontando le tensioni provenienti dalle spaccature all’interno di Scelta Civica e del Pdl, la politica italiana continua ad essere impegnata con le vicende che vedono il Guardasigilli Anna Maria Cancellieri sotto accusa per le vicende legate al caso Ligresti. Ieri numerosi esponenti del Pd hanno manifestato la propria posizione a favore del ritiro del ministro della Giustizia Cancellieri dalla vita politica. Primo fra tutti, Matteo Renzi ha chiesto le dimissioni del ministro, e con lui si sono schierati Civati e Cuperlo. I grillini, poi, dal canto loro, hanno chiesto il voto sulla mozione di sfiducia, che avrà luogo mercoledì prossimo.

Intanto, però, il Colle e il governo continuano a proteggere il ministro.  In difesa della Cancellieri si pone anche Massimo D’Alema, che ha detto: “Il ministro non ha commesso alcun illecito, mentre illecita è la diffusione dei tabulati delle telefonate private delle persone”.

In una lunga lettera aperta il ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri ha sostenuto di non aver mai mentito in Parlamento né ai pm che l’hanno ascoltata nei giorni seguenti ai suoi contatti telefonici con Antonino Ligresti. “Non ho mai nascosto la mia lunghissima amicizia con Antonino Ligresti – ha detto il ministro – né di aver parlato con lui dello stato di salute di Giulia Ligresti. La prima telefonata è stata fatta da me ma solo a seguito di diversi tentativi fatti da Antonino Ligresti di raggiungermi al telefono. La seconda conversazione è in risposta ad un ulteriore contatto proveniente da Ligresti. Su cosa avrei mentito appare incomprensibile. Anche mio marito ha avuto contatti telefonici con Antonino Ligresti che è nostro amico. E’ un medico. Ma nessuna interferenza vi è stata rispetto alla vicenda processuale dei Ligresti da parte mia”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©