Politica / Politica

Commenta Stampa

La procura ha chiesto al Senato l'arresto dell'ex tesoriere

Caso Lusi, spuntano assegni in bianco per 2,5 mln


Caso Lusi, spuntano assegni in bianco per 2,5 mln
01/06/2012, 15:06

ROMA – Continuano ad indagare gli inquirenti sull’ex tesoriere della Margherita, Luigi Lusi, accusato con altri di associazione a delinquere finalizzata all'appropriazione indebita. Al momento l’attenzione dei pm di Roma, che indagano sulla vicenda, si sta focalizzando su due milioni e mezzo di euro in assegni in bianco di cui non si conosce la destinazione.
Il senatore, espulso dal Pd, ha ammesso di avere sottratto 13 milioni di euro dalle casse della Margherita.
La procura capitolina ha chiesto al Senato di poter procedere all'arresto di Lusi, ma ancora nulla è stato deciso: il dossier è ancora in mano alla giunta per le immunità che dovrebbe decidere entro la fine di giugno.
Intanto da una querela presentata dal senatore Lusi qualche tempo fa, scaturisce come atto dovuto anche un procedimento per diffamazione nei riguardi di Francesco Rutelli e del sindaco di Firenze Matteo Renzi. Anche di questo risvolto si occupano il procuratore aggiunto Alberto Caperna e il pubblico ministero Stefano Pesci i quali, dopo che il Senato avrà preso le sue decisioni sulla richiesta di arresto in carcere per Lusi potrebbero disporre un nuovo interrogatorio dell'ex tesoriere della Margherita e altra attività istruttoria. Ed è in questa fase dell'indagine, che potrebbero anche essere risentiti i commercialisti della Margherita Giovanni Sebastio e Mario Montecchia.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©