Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Caso Marrazzo, De Pierro rivela clamorosi retroscena


Caso Marrazzo, De Pierro rivela clamorosi retroscena
27/10/2009, 09:10


ROMA.
"Esprimo la mia solidarietà al presidente Marrazzo per la vicenda che lo ha visto vittima. I quattro rappresentanti delle istituzioni sembrerebbero colpevoli di reati molto gravi perpetrati a suo danno ma purtroppo l'accanimento mediatico che si è scatenato contro l'ex governatore del Lazio lo ha eletto quasi al ruolo di colpevole". Sono queste le prime dichiarazioni che il presidente dell'Italia dei Diritti, Antonello De Pierro, ha rilasciato in merito allo scandalo che ha colpito Piero Marrazzo. L'ex presidente della regione Lazio, che si è autosospeso, sarebbe stato ricattato da quattro carabinieri, arrestati dal Ros, che lo avevano ripreso in atteggiamenti intimi con un transessuale all'interno di un appartamento in via Gradoli a Roma. "Prendo atto del suo alto senso di responsabilità nell'autosospendersi non essendo, probabilmente, in grado di continuare ad adempiere al suo compito istituzionale con la lucidità necessaria", ha continuato De Pierro. "Quanto successo è grave poiché i quattro carabinieri, invece che tutelare i cittadini, sembra abbiano attuato comportamenti criminali degni della più efferata malavita. Se quanto contenuto nell'impianto accusatorio sarà provato con certezza - auspica il presidente dell'Italia dei Diritti - le conseguenti pene dovranno essere esemplari, senza alcuno sconto".
De Pierro, fondatore del movimento legato alla tutela e alla difesa dei diritti dei cittadini, ha poi importanti rivelazioni sulla diffusione, nel mondo politico, sportivo e dello spettacolo, di debolezze private come quella che ha coinvolto l'ex presidente della Regione. "Personalmente ero a conoscenza da circa due mesi del fatto che esistesse una registrazione relativa ad un incontro tra Marrazzo e un transessuale, ma non sapevo se fosse un audio o un video. Ho preferito però evitare di saperne di più pur essendo sempre un giornalista - ribadisce - e ne avevo discusso con alcuni fidati collaboratori. Tra l'altro - rivela il presidente dell'Italia dei Diritti - più volte ho ricevuto informazioni su molti personaggi famosi della politica, dello spettacolo e dello sport, dediti a queste debolezze private". Una scelta professionale e deontologica che De Pierro chiarisce meglio."Pure avendo spesso la possibilità di acquisire una corposa documentazione probatoria, ho preferito evitare lo scoop mediatico a vantaggio del diritto di privacy degli interessati".
Ma sembrano esistere altri retroscena che il presidente rivela: "In questo momento si vocifera che possano esserci stati altri vip ricattati e quindi, probabilmente, sono in tanti a tremare per paura dello scandalo. Il caso Marrazzo che casualmente è emerso - sottolinea De Pierro - non deve far rallegrare gli avversari politici che hanno già iniziato ad esibirsi nel festival della strumentalizzazione. Se dovessero diventare pubblici i vizi privati di molti big e - precisa - se dovessimo di conseguenza con ipocrita moralismo pretenderne le dimissioni da eventuali cariche pubbliche, bisognerebbe - conclude - ridisegnare in gran parte la mappa delle istituzioni certamente in maniera significativa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©