Politica / Napoli

Commenta Stampa

L'ombra della criminalità organizzata al comune

Caso Melito, il Pdl scrive alla Cancellieri


.

Caso Melito, il Pdl scrive alla Cancellieri
30/07/2012, 15:43

NAPOLI – C’è l’ombra della criminalità organizzata al Comune di Melito. Insorge il Pdl: il Popolo della Libertà ha deciso, infatti, di inviare una interrogazione, a risposta scritta, al ministro dell’interno,  Annamaria Cancellieri, per sapere se e quali iniziative saranno prese. Primo firmatario è l’onorevole Amedeo Labocetta, tra l’altro componente della commissione parlamentare antimafia.  Non si è tirato indietro neanche il senatore, Carlo Sarro, anche egli nel gruppo della commissione parlamentare antimafia.
Sotto i riflettori ci è finita  l’amministrazione di centrosinistra guidata dal sindaco, Venanzio Carpentieri in carica dal maggio 2011. Nell’interrogazione non mancano i parallelismi con l’amministrazione Di Gennaro, sciolta nel dicembre del 2005 proprio per presunte infiltrazioni camorristiche.
Laboccetta fa riferimento, inoltre, alla sfiducia mossa all’ex sindaco Antonio Amente il 24 gennaio del 2011. Lo stesso primo cittadino ha più volte denunciato, a chi di dovere, delle minacce ed intimidazioni provenienti dalla criminalità organizzata operante sul territorio che indussero i consiglieri di maggioranza, sue persone di fiducia, a rassegnare le dimissioni.  
Ora il Pdl aspetta una risposta, intanto continua con la denuncia dei fatti. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©