Politica / Politica

Commenta Stampa

Dopo l’espulsione della moglie del dissidente kazako

Caso Shalabayeva: Alfano vuole nomi dei responsabili


Caso Shalabayeva: Alfano vuole nomi dei responsabili
14/07/2013, 18:54

ROMA  -  Dopo la brutta figura del governo nell'affaire Shalabayeva , tira aria di resa dei conti al Viminale. L’espulsione della moglie del dissidente kazako avvenuta il 30 maggio ultimo scorso, ha fatto esplodere l'ira del ministro Angelino Alfano. "Individuati i responsabili parlerò con i fatti. Non perdonerò chi mi ha messo in difficoltà". Il ministro dell'Interno, a quanto pare,  era all'oscuro di tutta la vicenda, fino a quando non è stato informato dal ministro degli Esteri, a sua volta informato dai legali della donna. Insomma una vera e propria spy story conclusasi all'insaputa di tutti, come da manuale. "Ho dato al capo della Polizia un tempo massimo di tre giorni per concludere l'inchiesta – ha tuonato  perentorio Alfano dalle colonne de“ La Repubblica” - poi chi mi ha ingannato pagherà".   E la fretta del titolare del Viminale è anche comprensibile,  visto che dalle fila delle opposizioni sono in molti a chiedere le sue dimissioni,  e non è escluso che anche una parta del Pd possa cavalcare questo scandalo. Quindi urge fare chiarezza,  almeno per salvare il salvabile, dopo la "gaffe" diplomatica fatta dall'Italia.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©