Politica / Politica

Commenta Stampa

Rita Bernardini accusa il Pdl di "aver remato contro"

Cassazione: poche firme, no ai referendum radicali


Cassazione: poche firme, no ai referendum radicali
28/11/2013, 16:23

ROMA - Niente referendum radicali: la Corte di Cassazione ha respinto i sei referendum propositi dai radicali di Pannella e sostenuti anche da Berlusconi, in quanto nessuno ha raggiunto la quota di 500 mila firme, necessarie per il deposito. I radicali avevano annunciato di aver raccolto 530 mila firme per ciascun referendum, ma è chiaro che qualche piccolo errore c'è sempre (per questo di solito vengono depositate 650-700 mila firme), e arrivando così vicini al limite, si può facilmente cadere. E in questo caso si parla di un numero di firme valide comprese tra i 260 mila e i 430 mila, a seconda del referendum
I sei quesiti radicali riguardavano: la responsabilità civile diretta dei giudici (cioè per citare in giudizio direttamente il giudice e non più, come adesso, lo Stato), la separazione delle carriere, l'abolizione dei fuori ruolo in magistratura e dell'ergastolo, e lo stop all'abuso di custodia cautelare in carcere. 
Rita Bernardini, segretaria dei Radicali Italiani, intervistata da Radio Radicale, ha parlato di "ritardi non nostri", ma ha anche dato la colpa a Berlusconi e alla sua firma ai referendum davanti alle Tv: "Sappiamo tutti che quel momento di pubblicità ha fatto affluire molti cittadini ai tavoli. Ma sappiamo che dall'allora Pdl c'è stato chi ha remato contro, qualcuno non ha raccolto affatto le firme, soprattutto nel nord Italia. Risposte, seppure non vicine alle promesse che erano state fatte, sono arrivate molto significative da Puglia, Campania e Calabria. E pensare che c'era chi, come Brunetta, diceva 'siamo noi che stiamo raccogliendo le firme', e prometteva che sarebbero state oltre i 5 milioni. Certo, il gran numero di firme che ci è stato consegnato dal Pdl, comunque insufficiente, risentiva anche della scarsa capacità di questo movimento a raccogliere le firme secondo quanto prevede la legge ".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©