Politica / Regione

Commenta Stampa

Castel Morrone: Bilancio di previsione 2010, Sindaco sollecita assessori e dirigenti


Castel Morrone: Bilancio di previsione 2010, Sindaco sollecita assessori e dirigenti
17/02/2010, 16:02


CASTEL MORRONE - Il Sindaco Pietro Riello nei giorni scorsi ha sollecitato sia gli Assessori che i Dirigenti Comunali per quanto concerne la programmazione e la redazione del bilancio di previsione riguardante l’anno 2010. Il sollecito effettuato dal primo cittadino morronese è dettato da delle esigenze temporali, cosi come si afferma nella nota stampa inviata dall’Ente di Piazza Bronzetti. Infatti, bisogna ricordare che sulla base all’art. 151 del decreto legislativo n. 267 del 18 agosto 2000 il termine ultimo per la redazione del bilancio previsionale di un ente locale è fissato nella data del 31 dicembre di ogni anno solare, termine questo peraltro mai rispettato e prorogato puntualmente ogni anno dal governo centrale, cosa successa anche quest’anno che ha fissato il termine di approvazione nella data del 30 aprile 2010. E proprio sulla base di questa proroga, poggia il sollecito effettuato dalla fascia tricolore ai componenti della sua squadra di governo ed ai dirigenti comunali, sollecito con il quale il Sindaco sprona tutti a lavorare alacremente per giungere quanto prima all’approvazione del documento programmatico, approvazione che comunque dovrà avvenire entro i termini fissati dal governo centrale. E proprio sul bilancio di previsione del 2010 la nota stampa del Comune di Castel Morrone termina con una dichiarazione del primo cittadino Pietro Riello, che in merito al documento previsionale afferma “nonostante le difficoltà imposte dalla questione Tributi Italia, che ricordo hanno creato un ammanco di cassa pari ad oltre 800 mila euro, ammanco peraltro non coperto da nessuna garanzia se non da un polizza fideiussoria di appena 30 mila euro, cercheremo di rispettare i tempi tecnici dettati per l’approvazione del bilancio previsionale, che come al solito cercheremo di rendere quanto più semplice e comprensibile per tutti, indicando con chiarezza i punti in cui l’Amministrazione Comunale andrà ad agire”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©