Politica / Regione

Commenta Stampa

E' scontro tra sindaco e forze di minoranza

Castellammare: Bobbio: consulenze ridotte del 90%


.

Castellammare: Bobbio: consulenze ridotte del 90%
12/07/2010, 14:07

CASTELLAMMARE DI STABIA  - Ridotte del 90% le spese di consulenze. Soddisfatto il sindaco di Castellammare di Stabia Luigi Bobbio che dichiara: “La mia amministrazione riduce di quasi un milione di euro le sciagurate prassi clientelari dell'amministrazione Vozza e concentra poche, indispensabili risorse sull’acquisizione di selezionate professionalità esterne, tali da consentirle di sopperire a talune, spaventose carenze e inefficienze della macchina comunale, sempre e soltanto nell'interesse dei cittadini stabiesi”. “E’necessario premettere - ha sottolineato il primo cittadino stabiese - che l’obbligo di ricognizione del fabbisogno del piano programma delle consulenze è stato stabilito dalla Finanziaria 2007 ed è stato espletato, dal Comune di Castellammare di Stabia, per la prima volta, nel marzo del 2008 con un’apposita delibera di consiglio comunale, nella quale la ricognizione prevedeva lo stanziamento di oltre un milione di euro per consulenze e incarichi spalmati sui vari settori dell’amministrazione comunale. Aver ripristinato tale procedura, per l'anno 2010, dopo che nel 2009 la ricognizione per gli incarichi esterni non era stata effettuata, significa aver rispettato un obbligo previsto dalla legge ed essersi mossi lungo il solco del recupero della legalità. Quanto ai profili individuati dalla ricognizione, si tratta di professionalità necessarie per partecipare alla riorganizzazione di settori che sono stati in maniera significativa compromessi dagli esiti della commissione d'accesso e da più ampi riassetti della macchina organizzativa”. In merito alle contestazioni sui compensi per sindaco e assessori comunali, Bobbio ribadisce alle forze di minoranza: Ancora una volta, abbiamo applicato la legge. I consiglieri d'opposizione ignorano che le indennità degli amministratori locali sono regolate dalla legge e non si possono aumentare. E’ arrivato il momento in cui – conclude Bobbio - la città venga messa pubblicamente a conoscenza del disastro economico-finanziario della gestione Vozza. Una verità di cui presto saranno messi a conoscenza non solo i cittadini, ma anche la Corte dei Conti e la Procura della Repubblica”.

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©