Politica / Regione

Commenta Stampa

Castellammare: “Il sindaco chiede la commissione di accesso? Ennesima presa in giro!”


Castellammare: “Il sindaco chiede la commissione di accesso? Ennesima presa in giro!”
31/10/2009, 11:10


CASTELLAMMARE DI STABIA - “Chiedere la commissione di accesso, già sapendo che, a causa della lunghezza dell'iter e dell'anticipo delle elezioni a Marzo, non ci potrà mai essere alcuno scioglimento del Comune, è l'ennesima presa in giro dei cittadini, proprio come il piano spiagge approvato a fine estate” è quanto sostiene Antonio Sicignano, vicepresidente dei Circoli della Libertà della Campania e consigliere comunale del PDL, in relazione alle richiesta formulate al prefetto dal sindaco di Castellammare. “E' bene gridare con forza che, con il recente anticipo delle elezioni amministrative a Marzo, non ci sono più i termini per una commissione di accesso. L'iter prevede infatti tre mesi di tempo, rinnovabili per altri tre mesi, affinché i commissari facciano le indagini. Poi altri 45 giorni sono di competenza del Prefetto affinché possa formulare conclusioni indirizzate al Ministro degli Interni. Ed altri 3 mesi servono al Ministro degli Interni per formulare lo scioglimento. Cosa che, nella migliore delle ipotesi, potrebbe avvenire non prima di Giugno. Quando molto probabilmente a Castellammare ci sarà un nuovo sindaco”. Aggiunge Sicignano: “rappresenta, inoltre, una grave irritualità il fatto che un Sindaco richieda la commissione di Accesso. Perché o il sindaco è a conoscenza di fatti gravi da allegare alla richiesta, che solo lui conosce, o il sindaco vuole mortificare le istituzioni, facendo propaganda anche sulla Commissione di Accesso. La Commissione di Accesso è una istituzione seria che si insedia in un comune solo se trova spunti di indagine e non perché serve alla campagna elettorale del Sindaco. ” Conclude Siciganno: “gli interrogativi che la politica deve risolvere sono ancora tanti e gli unici che potranno fare chiarezza saranno i cittadini alle prossime elezioni”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©