Politica / Regione

Commenta Stampa

Cave Maddaloni: Caputo, chiederemo spigazioni ad assessori competenti


Cave Maddaloni: Caputo, chiederemo spigazioni ad assessori competenti
24/01/2011, 15:01

“Convocherò immediatamente gli assessori regionali competenti. E’ necessario capire quale idea della tutela ambientale c’è nei provvedimenti che hanno portato al parere favorevole dalla Commissione regionale Valutazione Impatto Ambientale, sull’ampliamento dell’attività estrattiva a Maddaloni”.

Lo ha dichiarato Nicola Caputo, Presidente della Commissione Trasparenza e Controllo Atti, nel corso dell’audizione concessa ai rappresentanti delle associazioni: Legambiente di Caserta e Caserta Bene Comune, sulle problematiche relative alla attività estrattive di Maddaloni.

“Ho ritenuto necessario – continua ancora Caputo - accogliere la richiesta di audizione che mi è pervenuta dalle associazioni che si occupano di tutela del territorio, per fare chiarezza definitivamente sulla vicenda e dare risposte alle preoccupazioni di cittadini che, da anni, lamentano problemi per la salute, derivanti, proprio, dal processo produttivo delle attività estrattive”.

“ Secondo Giovanna Maietta dell’Associazione, Caserta Bene Comune, “il parere positivo della Commissione regionale Valutazione Impatto Ambientale è del tutto privo di motivazioni coerenti. E’ strano – spiega – che questo parere contraddica le valutazioni negative delle associazioni ambientali, recepite peraltro, dal Comitato Tecnico”

“Il Governo regionale – per il Presidente Caputo – deve anche tener conto dell’approvazione, all’unanimità, di un’ Ordine del Giorno del Consiglio Regionale, che chiede di revocare tutti gli atti posti in essere sull’ampliamento dell’area estrattiva di Maddaloni e di sviluppare le azioni volte alla delocalizzazione delle attività di cava, esistenti sui colli tifatini”

“Desta particolare preoccupazione – continua ancora Nicola Caputo - la presenza a 500 metri dalla cava, del cantiere del costruendo Policlinico di Caserta con 500 posti letto. E’ evidente che il nuovo ospedale è incompatibile con una impresa con il pesante impatto ambientale come quella estrattiva. La nuova autorizzazione è anche in contrasto con quanto prescritto dalla V.i.a. precedentemente rilasciata per il Policlinico in costruzione”.

“L’audizione di oggi in Commissione Trasparenza con le associazioni che si occupano di tutela ambientale, - conclude Caputo - rappresenta un primo tassello, per fare definitivamente chiarezza sulla vicenda e dare risposte trasparenti e nette ai cittadini che vivono con preoccupazione a ridosso delle cave”

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©