Politica / Politica

Commenta Stampa

Ma è polemica sui curricula

Cda Rai, il Pd punta su Tobagi e Gherardo Colombo

I candidati sono stati scelti da alcune associazioni

Cda Rai, il Pd punta su Tobagi e Gherardo Colombo
19/06/2012, 09:06

ROMA - Benedetta Tobagi, giornalista e figlia minore di Walter, e l’ex magistrato Gherardo Colombo sono i nomi della società civile proposti dal Partito democratico per il cda della Rai.
Dopo la brutta storia dell'Agcom, il partito ha puntato su nomi scelti da alcune associazioni interpellate dal segretario Pierluigi Bersani. Saranno votati, forse da giovedì (ma non si esclude uno slittamento alla settimana prossima), dalla Commissione di vigilanza insieme ad altri cinque componenti del cda, che andranno poi a comporre il consiglio insieme ad Anna Maria Tarantola e al consigliere Marco Pinto, espresso dal Tesoro. Ma per l’Italia dei Valori, questo non è sufficiente: il partito chiede un’audizione pubblica dei candidati che hanno presentato i curricula, che i partiti non avrebbero preso in considerazione. Sono oltre 270, infatti, i curricula arrivati in Vigilanza: ci sono, tra gli altri, quelli di Michele Santoro, Carlo Freccero, Giovanni Minoli, Sabino Acquaviva, Stefano Passigli, Lucio Villari.
Ma i partiti non fanno una piega: anche il Pdl sta scegliendo i suoi due candidati (tra i papabili la conferma di Antonio Verro oltre ad Antonio Pilati, Mauro Miccio, Guido Paglia, Rubens Esposito) e così il Carroccio (la leghista Giovanna Bianchi Clerici è passata all'Antitrust) e l'Udc.
Le associazioni interpellate dal Partito democratico sono “Libera”, “Comitato per la libertà e il diritto d'informazione”, “Libertà e giustizia” e “Se non ora quando”. Le prime tre hanno scelto Tobagi e Colombo, mentre “Se non ora quando” aveva puntato su altri nomi: Dacia Maraini, Chiara Saraceno, Lorella Zanardo, Flavia Nardelli, Benedetta Tobagi ed Evelina Christillin.

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©