Politica / Politica

Commenta Stampa

La legge prevede altre modifiche nei rapporti familiari

Cdm: cancellate le differenze tra figli naturali e legittimi


Cdm: cancellate le differenze tra figli naturali e legittimi
13/12/2013, 18:35

ROMA - Nel Consiglio dei Ministri di oggi è stato approvato un decreto legge che prevede l'equiparazione tra figli naturali e legittimi. Una equiparazione che finora è quasi completa, nel Codice Civile, ma con questa legge si cancella semplicemente dal Codice qualsiasi aggettivo dopo la parola "figlio". 
Nella norma ci sono anche altre questioni legate ai rapporti familiari regolati dalla legge. Per esempio anche i figli adottivi, se adottati minorenni, saranno equiparati a quelli nati nel matrimonio.
Si passa poi dalla "potestà genitoriale" alla "responsabilità genitoriale": dove la differenza sta nel fatto che si privilegia l'interesse dei minori. Viene anche introdotto il diritto dei nonni di mantenere "rapporti significativi" con i minori. 
Viene anche introdotto il diritto dei minori di essere ascoltati, se dotati di discernimento, nei processi che li riguardano. Viene inoltre ridotto a 5 anni il tempo per poter esercitare il disconoscimento di paternità. Viene anche esteso a 10 anni il tempo, per i figli nati al di fuori del matrimonio, per accettare l'eredità. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©