Politica / Politica

Commenta Stampa

Quasi 9 ore di Consiglio. Stamane Monti ha incontrato Visco

Cdm: in primo piano il rilancio della crescita

Passera: Abbiamo trovato soluzioni per investimenti e spese

Cdm: in primo piano il rilancio della crescita
24/08/2012, 19:23

ROMA - E' terminato dopo quasi 10 ore il primo Consiglio dei ministri dopo la pausa estiva. Era iniziato stamattina poco dopo le 10 e si è protratto fino alle 18:40 circa. A Palazzo Chigi il premier Mario Monti ha convocato l'esecutivo per fare il punto della situazione. Tra gli ordini del giorno ci sono stati quattro decreti presidenziali sulla scuola e l'aggiornamento del programma di governo con riferimento alla crescita. Il rilancio del Paese resta la priorità del governo e il Consiglio dei ministri ha discusso a lungo i possibili provvedimenti da varare prima della fine della legislatura. Quindi la valutazione dei prossimi passi dell'esecutivo con l'obiettivo di approvare provvedimenti per lo sviluppo nel Cdm della prossima settimana.
Prima di entrare in Consiglio dei ministri il premier Monti ha incontrato il governatore di Bankitalia Ignazio Visco per avere un aggiornamento su mercati finanziari e congiuntura economica. La parola d'ordine che arriva da via Nazionale è sempre scongiurare l'aumento dell'Iva nel 2013. Oggi è stato dato il via libera alla proroga della sospensione della tassazione nelle aree terremotate. "E' stato un altro pacchetto per le semplificazioni alle imprese realizzato insieme al ministro Patroni Griffi - ha affermato il ministro dello Sviluppo Corrado Passera, lasciando Palazzo Chigi -. I provvedimenti di cui si è parlato, che verranno licenziati prossimamente, riguardano l'agenda digitale, le facilitazioni per le start-up e su come attrarre investimenti esteri. E' stata una giornata molto concreta, abbiamo sempre trovato soluzioni per investimenti e spese che potevano creare crescita. In nessun modo l'obiettivo del rafforzamento dei conti e quello della crescita devono essere visti come alternativi. Sono l'uno un presupposto dell'altro". L'obiettivo crescita andrà raggiunto anche in base a quanto verrà fuori dalla collaborazione tra i governi europei. Monti incontrerà a Berlino Angela Merkel mercoledì prossimo, mentre il 4 settembre vedrà il presidente della Repubblica francese François Hollande.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©