Politica / Parlamento

Commenta Stampa

I nuovi enti dovranno avere almeno 350mila abitanti

Cdm: ok a taglio Provincie, salve le festività

Nasceranno le “Città metropolitane”

Cdm: ok a taglio Provincie, salve le festività
20/07/2012, 14:00

ROMA – Il Cdm salva le festività, ma da l’ok per l’accorpamento delle provincie. Sono stati, dunque, definiti i criteri per il riordino di queste ultime previsti dal decreto sulla spending review: i nuovi enti dovranno avere almeno 350mila abitanti ed estendersi su una superficie territoriale non inferiore ai2.500 chilometriquadrati. Sulla base delle regole di riordino sarebbero 64 su 107 le province da accorpare, di cui50 inregioni a statuto ordinario e14 inregioni a statuto speciale. Le province salve sarebbero, nel complesso, 43 su 107 di cui: 10 metropolitane,26 inregioni a statuto ordinario e7 inregioni a statuto speciale.

Con la soppressione delle province, entro il 2014, si procederà alla costruzione di “Città metropolitane”. Saranno in tutto 10 tra cui Roma, Milano, Napoli, Venezia e Firenze.

Quanto alle festività, come detto, tutto resta invariato. Tre sono le ragioni: la prima è che secondo le stime della ragioneria generale, la misura non dà sufficienti garanzie di risparmio; non esistono previsioni normative a livello europeo che accorpino le celebrazioni nazionali e le festività dei Santi Patroni. L’ultimo motivo sottolinea che l'attuazione della misura nei confronti dei lavoratori privati, violerebbe il principio di salvaguardia dell'autonomia contrattuale, con il rischio di aumentare la conflittualità tra lavoratori e datori di lavoro.

Intanto il premier Mari Monti, continua a ribadire la sua fiducia specie sul fronte economico: “Non abbiamo nessuna intenzione di fare nuove manovre siamo sulla via per il conseguimento degli obiettivi di bilancio, né di istituire una patrimoniale sopra i 250mila euro”. Intenzione questa, riferita anche al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano durante l’ultimo incontro.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©