Politica / Parlamento

Commenta Stampa

L'Anci pronta a disrtare tutti i tavoli istituzionali

Chiamparino: "Se la Finanziaria non cambia, faremo sciopero"


Chiamparino: 'Se la Finanziaria non cambia, faremo sciopero'
10/12/2009, 16:12

ROMA - Nella sua doppia veste di Sindaco di Torino e di Presidente dell'Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) Sergio Chiamparino è giunto questa mattina a Roma, dove ha parlato con Gianni Letta della legge Finanziaria in via di approvazione. Infatti la Finanziaria taglia i trasferimenti per Comuni e Province di un miliardo; una cifra molto alta per i bilanci degli enti locali. Questo ha provocato la protesta di oltre 400 sindaci, di ogni schieramento politico, che sono andati a protestare. Ma l'accoglienza non è stata delle migliori. Chiamparino, parlando con i giornalisti, ha detto che l'incontro con Letta è stato "ad essere ottimisti molto, molto, molto interlocutorio". In pratica, sia pure con i modi gentili che gli sono tipici, il vicepremier ha chiuso la porta a qualsasi proposta di modifica. Le richieste minime avanzate dall'Anci non sono particolarmente costose:  togliere le sanzioni nel 2009 per chi non rispetta il Patto di stabilità interno e rinviare la stretta sui Comuni prevista in Finanziaria al 2011. Ma i sindaci hanno avvisato che, in mancanza, diserteranno ogni tavolo istituzionale, dalla conferenza unificata al tavolo sul federalismo fiscale.
Dopo l'incontro con Letta, Chiamparino ha incontrato anche il Presidente della Camera Gianfranco Fini, che non ha sollevato obiezioni all'eventualità che il governo, nel caso - quasi certezza - che apponga la fiducia sulla manovra, inserisca anche le due norme chieste dall'Anci. Ma le possibilità sono poche, dato che questa volta il testo della legge è stato blindato sin dalla Commissione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©