Politica / Regione

Commenta Stampa

Circoli Ambiente a Tavolo Partenariato: "Costruire Termovalorizzatori"


Circoli Ambiente a Tavolo Partenariato: 'Costruire Termovalorizzatori'
06/07/2011, 12:07

(Napoli, 6 luglio) Questa mattina anche i Circoli dell'Ambiente hanno partecipato all'incontro del Tavolo di Partenariato della Regione Campania per la presentazione del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Urbani: "Ringraziamo l'Assessore Romano per l'invito: gli ribadiamo il nostro totale sostegno e la nostra disponibilità a collaborare per risolvere definitivamente l'emergenza rifiuti in Campania" ha dichiarato Alfonso Fimiani, Presidente dei Circoli, che  ha aggiunto: "Abbiamo ricordato che una riduzione ed un'alta percentuale di raccolta differenziata è alla base di una corretta gestione dei rifiuti, ma non basta, perché, nonostante i dati positivi che sono stati finalmente resi pubblici e che ci dicono che le Province di Avellino e Salerno hanno superato il 50% di RD, rimane necessaria la costruzione di impianti per lo smaltimento: i termovalorizzatori innanzitutto ed a seguire gli impianti a biomasse che possano consentire la valorizzazione energetica di quel rifiuto organico che rappresenta circa il 40% di tutto il 30% di rifiuto differenziato". I Circoli dell'Ambiente hanno messo in atto una grande campagna di sensibilizzazione, "Il nostro rifiuto, la vostra risorsa" (www.ilnostrorifiutolavostrarisorsa.info), che nel Comune capofila, Castel San Giorgio, ha consentito una riduzione della Tarsu del 7%. "Abbiamo ribadito la necessità di riaprire discariche che possano tamponare l'emergenza per almeno 5 anni, il tempo necessario alla costruzione degli impianti. Inoltre abbiamo confermato la nostra idea di rivedere il sistema delle Aree Protette della Regione, alcune delle quali nate od espanse per motivi clientelari e non per fini di tutela dell'ecosistema. Abbiamo chiesto nuovamente di stralciare i cambiamenti climatici, sui quali riteniamo che l'uomo incida solo per il 10%, dai criteri del piano. Infine" conclude "abbiamo evidenziato la necessità di una filiera ed una collaborazione istituzionale: continueremo a raccogliere le firme in tal senso per portare una sede di rappresentanza del Ministero dell'Ambiente a Napoli".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©