Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Circoli Ambiente: Bene Berlusconi ad Avezzano sul nucleare


Circoli Ambiente: Bene Berlusconi ad Avezzano sul nucleare
07/03/2011, 16:03

"Il nucleare è l'unica alternativa possibile al petrolio e al gas, oltre naturalmente alle fonti rinnovabili ma che rappresentano una percentuale minima del nostro fabbisogno", questo è ciò che ha dichiarato giustamente il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ad Avezzano.
Il Presidente dei Circoli dell’Ambiente Alfonso Fimiani appoggia pienamente il Cavaliere affermando: “Il rinnovabile non basta! Sarà necessario il ritorno al nucleare, fonte di energia sicura, economica e pulita. Sviluppo e tutela dell’Ambiente possono, devono coesistere.In Italia il percorso storico dell’Ambientalismo è caratterizzato dal negazionismo aprioristico, dalla manipolazione della paura o dell’emotività, dal catastrofismo apocalittico, dalla lotta contro ogni forma di progresso”.
Bisogna anche aggiungere che dopo un investimento iniziale pur importante, che viene ammortizzato nel tempo, c’è un risparmio enorme nella produzione di energia, a cui va aggiunta la semplice considerazione che tale energia verrebbe prodotta in Italia e non acquistata all’estero. Minor costo dell’energia vuol dire tariffe più basse, tariffe più basse vogliono dire minori spese per le famiglie e maggiore competitività per le imprese e conseguente rilevante beneficio per l’intera economia italiana.
I Circoli si sono fatti promotori, insieme con altre realtà associative, dei Comitati dell’Astensione. “Un’astensione motivata e consapevole, non una negazione del diritto al voto, costituzionalmente garantito. Non vogliamo fare altri regali ai comitati promotori, in termini di rimborsi: ci asterremo dal voto ed inviteremo gli Italiani a farlo. È però necessario” conclude Fimiani
“che sia garantita un’informazione corretta e bipartisan: è questo il motivo per il quale nei giorni scorsi abbiamo presentato una formale istanza al Presidente della Repubblica, al Presidente della Commissione Vigilanza RAI ed al Presidente dell’AGCOM”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©