Politica / Politica

Commenta Stampa

Circoli dell'ambiente: "emergenza GAS evidenzia deficit strutturale-energetico italiano"


Circoli dell'ambiente: 'emergenza GAS evidenzia deficit strutturale-energetico italiano'
06/02/2012, 17:02

(6 febbraio) – Il freddo intenso e la riduzione dei flussi provenienti da Francia e Russia rischiano di mettere in ginocchio l’Italia, che si troverà costretta, secondo l’ENI ed il Ministero dello Sviluppo Economico, a far fronte ad una situazione che potrebbe diventare critica.

“Quella che si profila è una vera e propria emergenza-gas: viene evidenziato ancora una volta il deficit strutturale-energetico del nostro Paese, che fino ad ora non è stato ancora capace di dar vita a politiche di pianificazione degne della settima potenza economica mondiale. Non è possibile attendere ogni volta la fase di allarme: è evidente che, non avendo sufficienti risorse e materie prime, dobbiamo puntare sulla ricerca e sulla tecnologia, su di un mix energetico che possa comprendere, accanto agli idrocarburi, le rinnovabili per la produzione di energia termica ed elettrica ed, ovviamente, anche il nucleare”. È quanto ha dichiarato Alfonso Maria Fimiani, Presidente dei Circoli dell’Ambiente, che continua: “Il momento dei ‘NO’ a prescindere è terminato: gli Italiani sono già pentiti del voto espresso al referendum, dettato dall’ondata emotiva di Fukushima. Se si fosse votato oggi, l’astensione avrebbe ottenuto un plebiscito. La congiuntura economica globale ci obbliga ad una presa di coscienza che supera ogni veto ingiustificabile: auspichiamo che il Governo metta quanto prima in agenda il problema dell’energia e del relativo costo per affrontarlo con estrema serietà e senza i condizionamenti dei soliti noti che troppo spesso hanno impedito l’adozione delle misure necessarie”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©