Politica / Regione

Commenta Stampa

Città di Partenope promuoverà la Campania in Sud America


Città di Partenope promuoverà la Campania in Sud America
17/04/2012, 11:04

La regione sarà promossa in sinergia con l’Enit e la Camera di Commercio Italiana.

L'associazione Napoli Viva “clonerà” il progetto di città virtuale di Città di Partenope e nascerà "Cuidad de Baires" dal secondo appellativo di Buenos Aires

Buenos Aires 17 aprile 2012. "Città di Partenope"(www.cittadipartenope.it) promuoverà tra la Campania in Sud America in sinergia con l’Enit e la Camera di Commercio Italiana in Argentina. E’ questo uno dei risultati della missione di "Città di Partenope" in corso in queste ore in Sud America.

La missione è iniziata l’11 aprile all’Università di Belgrano con una lectio magistralis del fondatore di Città di Partenope Claudio Agrelli mentre il 12 aprile si è tenuta una conferenza stampa congiunta organizzata con la Camera di Commercio Italiana della capitale argentina nel corso della quale sono stati presentati il progetto e l’offerta turistica di Napoli e della regione.

Tale è stato il successo del progetto da spingere l'Asociacion Napoles Viva a voler “clonare” Città di Partenope e a proporre alle istituzioni argentine di supportare la nascita di "Cuidad de Baires" (dal secondo appellativo di Buenos Aires): un progetto per promuovere l’immagine di Buenos Aires.

La missione in Argentina, segue quelle negli Stati Uniti, in Giappone ed in Australia, per presentare l’immagine positiva di un territorio da anni agli onori della cronaca solo per la criminalità e l’emergenza rifiuti.


La missione in Argentina è stata preceduta da una tre giorni in Uruguay nei quali il progetto è stato presentato alle istituzioni e alle associazioni italiane.



“Con questa nuova missione - dichiara Agrelli - abbiamo voluto diffondere un’immagine migliore di Napoli, per mostrare una città scevra dai luoghi comuni che la accompagnano, una città nuova, etica e rispettosa delle regole, che rivendica il suo ruolo tra le eccellenze italiane. Per farlo la missione di outgoing 2012 ha dato ampio spazio agli incontri con i giornalisti dei principali media argentini, con le istituzioni, le imprese e con le numerose comunità italiane.”



“Nel corso della missione, - continua Agrelli - abbiamo realizzato anche un reportage sulle best practice di Buenos Aires da importare a Napoli ed abbiamo intervistato le persone per strada per sapere cosa ne pensano di Napoli. Insomma proveremo a buttar giù le fila per un gemellaggio tra due città così diverse ed anche così simili tra loro.

Nel corso della missione -continua Agrelli- sono stati stretti anche accordi commerciali per il nostro virtuoso sistema di imprese etiche che vedono con interesse in Sud America per le loro strategie di export. All'estero hanno una marcia in più le aziende di qualità, attente all’etica e al territorio, che combattono la concorrenza sleale, che appartengono al tessuto sano dell’economia e che si rifanno ai valori del Made in Naples.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©