Politica / Politica

Commenta Stampa

Cittadini puliscono spiaggia libera di Pozzano a Castallammare


Cittadini puliscono spiaggia libera di Pozzano a Castallammare
20/06/2012, 17:06

I cittadini di Castellammare che frequantano la spiaggia libera di “Pozzano – ex calcina “ a Castellammare hanno ripulito da soli l' arenile sporco e abbandonato da parte del comune.
"Parlando con vari cittadini che frequentano il lido - Marilena Schiano Lo Moriello delle mamme Verdi ed Ecologiste - mi hanno spiegato che l'ultima pulizia fatta dal Comune risaliva a mercoledì scorso. Inoltre si sono lamentati del cassonetto messo in alto sulle scale e che nessuno scende in spiaggia a pulire quotidianamente. Insieme abbiamo preso un appuntamento e abbiamo ripulito a spese nostre la spiaggia dai rifiuti. Siamo indignati sia per l'abbandono della spiaggia libera da parte dell' Amministrazione Comunale sia con quelli che incivilmente lasciano i rifiuti sulla spiaggia.
Gli Stabiesi hanno chiesto più spiagge pubbliche, ma le domande che si pongono sono: chi si deve occupare della pulizia e quando? Perchè il comune ci fa fare i bagni nella spazzatura? Tra l'altro sarebbe anche opportuno sistemare punti di raccolta differenziata sulla spiaggia dal momento che la maggior parte dei rifiuti raccolti stamane erano bottiglie di plastica, di vetro e lattine".
Intanto buone notizie provengono dal lido della Rotonda Diaz, la cosidetta "mappatella beach" a Napoli.
"Stamane - spiegano il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli ed il capogruppo al consiglio comunale di Napoli del Sole che ride Carmine Attanasio - sono state rimosse le piattaforme in cemento armato di 2 metri per 2 ed alte 60cm a causa delle quali molti bagnanti si erano fatti male. Adesso al spiaggia ed il mare sono pienamente agibili e con servizi igienici e docce. Questa estate impiegheremo tutte le nostre energie e risorse per spingere le amministrazioni campane a curare le spiagge libere e tenere il mare pulito".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©