Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Coisp: "Brunetta e la campagna elettorale. A destra e a manca con le Forze dell’Ordine……!”


Coisp: 'Brunetta e la campagna elettorale. A destra e a manca con le Forze dell’Ordine……!”
17/03/2010, 13:03

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Coisp


NAPOLI - “Evviva la coerenza! E’ proprio il caso di dirlo se il ministro-cerbero-fantuttone, il severo per eccellenza, quello spietato contro ogni spreco nella Pubblica amministrazione, quello determinato a cacciare a pedate fannulloni, panzoni e bamboccioni, “si fa tutelare” a destra ed a manca dalle Forze dell’ordine non solo per impegni istituzionali legati alle sue prestigiose funzioni, ma anche per un motivo un pochino meno comprensibile dalla cittadinanza… la propria campagna elettorale per le comunali a Venezia! I cittadini non fanno esattamente le capriole dalla gioia nel pensare che è con i loro soldi che il piccolo grande ministro-genio si paga il “servizio taxi”, via acqua e via terra, per andare in giro ad esibire la sua sconfinata scienza oltre che la sua straordinaria levatura morale.
E’ questo il commento di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato indipendente di Polizia, relativamente alle “spese non previste” a carico dei cittadini in vista della prossima tornata elettorale.
“Mezzi nautici delle Forze di Polizia in laguna a Venezia - prosegue Maccari -, mezzi su ruote dei Carabinieri a Mestre e dintorni, e decine di Appartenenti all’uno e all’altro Corpo costretti ad alternarsi per seguire gli spostamenti del mitico Brunetta, ed, ovviamente, il tutto senza le insegne di servizio, ed i colleghi rigorosamente in borghese… vero nobile ministro? Non vorremo dare nell’occhio e far capire a tutti che usiamo gli Uomini delle Forze dell’Ordine per “farsi tutelare” per motivi non strettamente ministeriali, vero? Che figura ci facciamo poi se qualcuno ricorda chi è proprio l’autore della pseudo “Operazione trasparenza”? Alla faccia del buon amministratore, e soprattutto alla faccia del leale competitore politico!!! Visto che c’è, ministro, potrebbe appendere una gigantografia della sua slanciata figura alla sede che ospita il suo Ministero – così anche gli altri la vedranno grande grande… come lei vede se stesso –, e ci fa mettere sopra una bella scritta ‘il sindaco di Venezia devo essere io, mi sposto meglio, più in fretta e in maniera più sicura degli altri, così posso raggiungere tutti i cittadini non appena schioccheranno le dita!’. Che dice? E’ una bellissima trovata, come mai non ci ha pensato? Tanto, visto che ha preso così simpaticamente un pochino “in prestito” i tutori dell’ordine per questa campagna elettorale, chi vuole che si lamenti se usa un pochino anche la facciata di Palazzo Vidoni per spiegare le sue ragioni politiche?”.
“E sì - conclude Maccari -, signor Brunetta, così i suoi rivali non avranno scampo… di fronte ad uno che riesce a fare quel che fa lei, chi vuole che voti Orsoni o gli altri candidati a Sindaco di Venezia, o peggio un onesto e umile candidato poliziotto, come Fulvio Coslovi, che vive e conosce i problemi della gente comune e che per i suoi spostamenti si arrangia “addirittura” a spese proprie?”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©