Politica / Politica

Commenta Stampa

COISP, Maccari: "La rivolta dei parlamentari è un atto irrispettoso"


COISP, Maccari: 'La rivolta dei parlamentari è un atto irrispettoso'
04/01/2012, 11:01

“Lungi da noi l’idea di volerci porre come “quelli dell’anti politica” a tutti i costi. Ma una riflessione, in questo pur generale stato di crisi che attraversa il Paese, ci sia consentito di farla. Una commissione certifica che, fatta una media, i parlamentari italiani guadagnano più di quelli europei. Bene cosa fanno i parlamentari italiani? Invece di prendere atto, magari anche giustificare il dato difendendo il loro operato con fatti concreti, si offendono e si ribellano. Come? Dichiarando di guadagnare “solo” 5.000 euro al mese”
Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, interviene sulla notizia della “rivolta degli onorevoli” rispetto ai dati sui loro stipendi diffusi nei giorni scorsi.
“Ribadiamo la nostra volontà ad un’analisi costruttiva dei numeri che non sia in contrapposizione con la politica – sottolinea il Segretario Generale – ma non possiamo esimerci dal censurare l’atteggiamento di rivolta dei parlamentari italiani che candidamente ammettono di guadagnare “solo” 5.000 euro a fronte di un Paese in cui la metà degli italiani non riesce ad arrivare a metà mese”.
“Non giudichiamo se 5.000 euro siano tanti o pochi – dice Maccari – ma ci limitiamo a ricordare che c’è un pezzo d’Italia, quello più consistente, fatto di uomini e donne che, a costo di sacrifici personali, portano avanti dignitosamente il mandato di servire lo Stato, con stipendi di gran lunga inferiori rispetto a quelli dei politici e che per farlo mette giornalmente in pericolo la propria vita”.
“Nessuna guerra tra poveri – conclude il Segretario Generale del Coisp – nessuna fomentazione di tensioni sociali, ma solo la constatazione che quelle affermazioni “guadagniamo solo 5.000 euro al mese”, ci sembrano comunque irrispettose nei confronti un Paese che la stessa politica irresponsabile di alcuni in questi anni ha spinto verso la deriva.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©