Politica / Napoli

Commenta Stampa

COISP: “mentre alla polizia mancano le cartucce, la camorra si attrezza con armi da guerra”


COISP: “mentre alla polizia mancano le cartucce, la camorra si attrezza con armi da guerra”
26/09/2011, 13:09

E’ notizia di stamattina che i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato a Napoli, nel quartiere di san Giovanni a Teduccio, un lanciarazzi anticarro ad alta carica perforante, fabbricato nella ex Jugoslavia; il lanciarazzi era carico e quindi pronto all'uso.
Il Segretario Generale Regionale Giuseppe Raimondi del sindacato di Polizia Coisp, intervenuto sull’argomento ha dichiarato:” Siamo sconcertati da questo ennesimo episodio, segno evidente che i clan che da anni operano nella realtà partenopea, hanno alzato il tiro, non badando certo a spese, non avendo gli stessi limiti imposti dai tagli!!! Lo Stato risponde tagliando invece in modo orizzontale e sconsiderato i fondi da destinare al Comparto Sicurezza, accorpando il tutto con la dicitura …pubblico impiego. Siamo all’inverosimile – continua ancora il leader campano del sindacato di Polizia Coisp - i clan acquistano armi da guerra mentre alla Polizia mancano addirittura le cartucce per l’esercitazione al tiro dei poliziotti che quotidianamente sono impegnati nella difesa dei diritti costituzionali!! Sono ormai quotidiani gli episodi di violenza ai danni di appartenenti alle forze dell’ordine, ricordiamo gli ultimi in ordine cronologico accaduti a Napoli, ove un poliziotto prima ed un carabiniere poi sono stati feriti in modo anche grave da delinquenti italiani e clandestini; i colleghi feriti intervenivano liberi dal servizio e nel caso del poliziotto in compagnia della moglie e figlia, guidati dal senso di dovere e di appartenenza alle istituzioni, dalle quali però sono quotidianamente pugnalati alle spalle da questo Governo!”
Anche il Segretario Generale Provinciale di Napoli Giulio Catuogno a seguito degli ultimi episodi di violenza nei confronti delle forze dell’ordine ha dichiarato : “Ed è grazie al coraggio di questi uomini che si regge la Polizia di Stato, ed è grazie a loro che i giovani vedono, ancora una volta, l’uniforme della Polizia di Stato essere emblema di sicurezza e tranquillità cittadina! Ed è grazie alle azioni di questi colleghi che, in momenti di sconforto, quando pare che il mondo ti stia crollando addosso, quando sembra sia meglio abbandonare tutto, che, guardandoli in azione, ti ricordi il reale motivo per cui hai deciso di indossare l’uniforme: l’amore per la legalità e per lo Stato!!!”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©