Politica / Regione

Commenta Stampa

Commissione Regionale per le Bonifiche, sopralluogo a Bagnoli Futura


Commissione Regionale per le Bonifiche, sopralluogo a Bagnoli Futura
31/01/2011, 16:01

«Dal Ministero sono giunti primi positivi riscontri per destinare i fondi dei ribassi di gara per la bonifica dei fondali, stimati intorno ai 18 milioni di euro, alla rimozione della parte di colmata necessaria alla realizzazione del porto turistico. Spero che si potrà giungere a un protocollo d’intesa entro marzo» L’annuncio arriva dall’Assessore regionale all’ambiente Giovanni Romano nel corso del sopralluogo di questa mattina a Bagnoli Futura promosso dalla Commissione Regionale per le bonifiche presieduta da Antonio Amato, cui hanno partecipato il consigliere Ugo De Flavis, il Presidente della X Municipalità Giuseppe Balzamo, e per Bagnoli Futura il Presidente Riccardo Marone, il Direttore generale Maurizio Hubler, il Direttore tecnico Gianfranco Caligiuri e il portavoce Emenuele Imperiali. «Abbiamo avuto primi positivi contatti con il Ministero» ha detto Romano «e mi adopererò perché il prima possibile si arrivi alla destinazione di questi fondi per la rimozione di 1/3 della colmata e avviare così i lavori necessari alla costruzione del porto» La commissione e l’assessore hanno visitato l’intera area di Bagnoli Futura, potendo constatare come molte opere, tra cui i 30 ettari con i 18 campi e i tre km di pista ciclabile del Parco dello Sport, ma anche la Porta del Parco e il Centro benessere, siano sostanzialmente ultimati ma ancora inutilizzati a causa del blocco dei fondi regionali già stanziati e necessari per il collaudo e l’apertura al pubblico delle stesse. L’assessore Romano ha garantito il suo contributo per arrivare al ripristino dei fondi (circa 5 milioni per il Parco e 9 milioni per la Porta del Parco) «Pur non essendo mia diretta competenza» ha affermato Romano «mi adopererò perché i fondi destinati ad opere come la Porta del Parco ed il Parco dello Sport siano quanto prima sbloccati. Per il Parco dello sport, spero si possa arrivare ad una sua apertura entro l’estate. Sono state realizzate opere importanti che avranno un rilevante impatto per la città e la regione, è venuto il momento di superare gli ostacoli e renderle fruibili a tutti» L’impegno di Romano è stato apprezzato dal Presidente Amato «Il lavoro che sta realizzando l’assessore Romano è molto importante» ha commentato il Presidente della Commissione Bonifiche «I primi contatti con il Ministero sono molti positivi. Ora sarà determinare arrivare a sbloccare i fondi regionali necessari ad aprire alla città opere sostanzialmente completate. Abbiamo verificato che a Bagnoli molto è stato fatto, a partire da un egregio lavoro di bonifica e riutilizzo in loco dei materiali di risulta» ha proseguito Amato «Ora è necessario dire basta ai ritardi dovuti per lo più a diatribe politiche, ed intervenire perché tutto questo lavoro non sia vanificato. In tal senso attendiamo un impegno forte e diretto dello stesso Caldoro». Apprezzamento per l’esito del sopralluogo è stato poi espresso anche dal Presidente di Bagnoli Futura «E’ molto importante il lavoro che sta svolgendo la commissione presieduta dal consigliere Amato e l’impegno profuso dall’assessore Romano» ha detto Marone «Dal sopralluogo di questa mattina è emersa una chiara volontà di superare i problemi che si erano determinati per giungere, finalmente, all’inaugurazione delle opere già completate. D’altro canto sono già state effettuate le gare per la gestione della Porta del Parco e per il Parco dello Sport, e siamo pronti anche per l’Ospedale delle tartarughe. Se, anche grazie all’impegno dell’assessore Romano e del Presidente Amato, si riuscirà a riattivare i fondi regionali già stanziati, in tempi brevi consegneremo alla città delle opere di straordinario valore. Inoltre» ha concluso Marone «sono positivi anche i segnali che giungono dal Ministero per arrivare all’acquisizione di fondi per la rimozione della colmata necessaria per la costruzione del Porto. Insomma, sicuramente una giornata molto proficua».

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©