Politica / Napoli

Commenta Stampa

Commissioni Urbanistica e Lavoro su futuro mercato Caramanico


Commissioni Urbanistica e Lavoro su futuro mercato Caramanico
16/05/2012, 15:05

La Commissione Urbanistica e la Commissione Lavoro e Commercio, si sono riunite alla presenza dell’Assessore all’Urbanistica Luigi De Falco e dell’Assessore Al Lavoro e Commercio Marco Esposito, per riprendere la discussione sul futuro del mercato Caramanico, già affrontata in Commissione Lavoro lo scorso 24 aprile. Presenti in Commissione anche Nino Sorrentino, delegato dell’Assessore alle politiche sociali e Raffaele Marra, delegato commercio IVª Municipalità e il Comitato dei mercatali del Caramanico.
Dopo una breve introduzione del presidente della Commissione Lavoro Antonio Crocetta che ha riepilogato la vicenda, la parola è passata ai due Assessori, i quali hanno precisato che un eventuale intervento sarà finalizzato esclusivamente al miglioramento delle condizioni del mercato. I consiglieri intervenuti (Lebro, Vernetti, Moretto, Fucito, Santoro, Coccia, Fiola) hanno chiesto chiarimenti agli Assessori sulla volontà dell’Amministrazione di mantenere l’attuale localizzazione del mercato, come richiesto dai rappresentanti dei 567 operatori, e tutelare così una forte realtà commerciale, fonte di reddito per oltre mille persone. La preoccupazione dei mercatali nasce dalla stesura delle linee di azione del piano di commercio su aree pubbliche contenute nella delibera di giunta 219 dello scorso aprile (Linee di azione per la riorganizzazione dei mercati cittadini ai sensi della O.S. n. 110/2012) che ipotizza una delocalizzazione del mercato. Il comitato dei mercatali ha ribadito che lo spostamento del mercato comporterebbe un calo dei profitti e hanno lamentato che l’Amministrazione, per la redazione del Piano Commerciale, non li ha consultati nonostante siano commercianti su aree pubbliche con atti concessori decennali.
L’Assessore De Falco ha chiarito che il project financing in corso con la società Agorà non ha mai preso in considerazione l’area del Caramanico, ma solo la parte circostante nella quale rientra anche lo spazio utilizzato dagli operatori del mercato come parcheggio. E’ il piano regolatore a prevedere che nella zona del Caramanico non debba esserci un mercato. L’Assessore Esposito, nell’ottica di tutelare una realtà conveniente e funzionale per tutti, ha precisato che un eventuale spostamento dei box mercatali, non prioritario al momento, riguarderebbe la vicina area dell’ex Macello, in modo da non danneggiare le attività commerciali.
In conclusione, il presidente Iannello ha richiamato la competenza del Consiglio sul piano di riorganizzazione dei mercati cittadini, richiamando la necessità di rassicurare gli operatori sulla definitiva collocazione del mercato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©