Politica / Napoli

Commenta Stampa

Questa mattina la firma a Palazzo Santa Lucia

Compensazioni territoriali, siglato accordo in Regione


.

Compensazioni territoriali, siglato accordo in Regione
05/12/2012, 17:26

NAPOLI -  Prende forma in Campania il Programma strategico per le compensazioni ambientali sottoscritto da Regione Campania e ministero dell'Ambiente. Gli interventi operativi, decisi già nel 2009, saranno realizzati da due soggetti: la Sogesid S.p.A, con cui il ministero ha stipulato una convenzione nel 2011, e il Provveditorato alle Opere Pubbliche di Campania e Molise, che oggi ha siglato apposita convenzione con la Regione.

Alla Sogesid sono affidate la progettazione, la realizzazione e il monitoraggio di tutti gli interventi di bonifica dei siti inquinati e di potenziamento delle strutture relative al ciclo delle acque reflue per un investimento complessivo di 208 milioni di euro, di cui 139 in quota Ministero dell'Ambiente e 69 dalla Regione. Al Provveditorato, invece, è stato affidato il compito di progettare, realizzare e monitorare gli interventi in materia di dissesto idrogeologico, rimozione di rifiuti, riqualificazione urbana e ambientale.

In totale sono 35 le opere che il Provveditorato avvierà avvalendosi di 47 milioni e mezzo di euro in quota Regione Campania. Tra gli interventi principali affidati al Provveditorato ci sono il consolidamento del I circolo didattico di Acerra; la riqualificazione dell' area di cava ex D'Agostino a Salerno; il recupero ambientale dell'alveo dei Camaldoli a Mugnano; il risanamento idrogeologico del Torrente Lente e la realizzazione di un parco fluviale con normalizzazione del deflusso delle acque nel Comune di Casalduni; sistemazioni idrogeologiche nel Comune di Sant'Arcangelo Trimonte.

Quanto alla tempistica, il programma prevede che entro dicembre 2015 siano sottoscritti i contratti tra soggetti attuatori e operatori economici. Entro dicembre 2017, invece, i lavori dovranno essere completati, collaudati e dovrà essere chiusa anche la certificazione e il monitoraggio della spesa. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©