Politica / Regione

Commenta Stampa

Debutto al Modernissimo per il candidato a sindaco dell'Idv

Comunali, De Magistris si presenta alla "sua" Napoli


.

Comunali, De Magistris si presenta alla 'sua' Napoli
05/03/2011, 14:03

NAPOLI – Una sala strapiena, la voglia di procedere spedito come un treno e la consapevolezza che tra lui ed gli alleati di coalizione non ci sono mai stati ostacoli insuperabili. Riparte dal cinema Modernissimo il candidato a sindaco dell’Idv Luigi De Magistris lanciando segnali distensivi agli altri partiti del centrosinistra ed invitando Pd, Sel e le altre anime della coalizione a fare squadra per scongiurare che anche il comune di Napoli finisca nelle mani del centrodestra.  
Di vincere e di diventare cosi', sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ne e' certo. E questo avverra' ''indipendentemente da chi ci accompagnera'''. Lui che promette di ''essere strumento e non leader'', alla sua prima manifestazione pubblica lancia un appello, al Pd e anche a Nichi Vendola. Al partito dice: ''Mi sembra che siate divisi, potrei essere un'occasione''. E a Vendola chiede: ''Perche' non sei qui? Mettici la faccia anche tu''. Prove generali da primo cittadino, dunque. Lui ''magistrato dalla schiena diritta, che sono stato buttato fuori dalle inchieste perche' stavo indagando sul sistema, che non ho mai piegato la schiena ai poteri trasversali, ne' di destra ne' di sinistra'', dal palco precisa: ''Mentre altri parlano noi stiamo stilando un programma partecipato''. L'Idv, il suo partito ''mi sosterra'. Io mi sento all'interno del mio partito''. Ma intanto lui oggi si e' presentato con una lista civica dove ci sara' spazio per tutti, ''datemi una mano, il concetto di squadra e' fondamentale''. La sinistra radicale ''mi auguro sia sempre piu' convinta di starci vicino''. ''So di essere una candidatura di rottura nei confronti di un determinato modo di intendere la politica - spiega al Cinema Modernissimo - Non mi sfugge certo che tra i militanti e i dirigenti del Pd ci sono persone con le quali e' possibile dialogare. C'e', pero', una parte del centrosinistra che preferisce perdere, chiediamoci perche'''. Promette che in questa campagna elettorale parlera' anche con la gente che non vota il centrosinistra. ''Non mi interessa l'interlocuzione con Fli, Udc, lo chiamano compagno Fini ma io con lui non ho nulla da spartire - sottolinea - diverso e' parlare con la gente, sapro' dialogare anche con le persone di destra''.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©