Politica / Napoli

Commenta Stampa

Alessandra Clemente e Carmine Piscopo

Comune, ecco i due nuovi assessori


.

Comune, ecco i due nuovi assessori
29/01/2013, 15:54

NAPOLI - Alessandra Clemente e Carmine Piscopo. Ecco nomi, cognomi e volti dei due nuovi membri della Giunta partenopea. Il sindaco Luigi de Magistris consegna le deleghe ai nuovi assessori, il giorno dopo quello che è stato definito dallo stesso primo cittadino “il consiglio comunale che ha salvato Napoli dal fallimento”.
"Il processo di cambiamento prosegue - dice il primo cittadino - e sostituiamo oggi due membri importanti. E' un'ulteriore passaggio, che culminerà a dopo le elezioni quando ci sarà anche un nuovo cambio di deleghe. Quella alle politiche sociali, ad esempio, oggi è divisa tra l'assessore Tommasielli e il vicesindaco Sodano. Il nostro interesse è però quello di lavorare ad un consolidamento tra amministrazione, Comune e città".
De Magistris parla di cambiamento e creatività nel presentare i due nuovi assessori. Il primo dei due riferimenti è diretto all’ “amico liceale” Carmine Piscopo, che coglie al volo la proposta. "Il cambiamento è necessario - ammette Piscopo - ed io credo molto in questa parola. Ma bisogna cambiare ascoltando la città, e i suoi dolori. Solo così si possono metter ein pratica soluzioni adeguate. La macchina aministrativa è un apparato fragile".
La seconda parola, “creatività”, racchiude in se le speranze riversate nel volto fresco di Alessandra Clemente, figlia della mai dimenticata Silvia Ruotolo. "Ognuno di noi è chiamato ad impegnarsi per fare qualcosa - dice la più giovane tra gli assessori - il Sindaco si è impegnato a dare più spazio ai giovani di questa città. Credo sia oggi necessario innanzitutto fare n censimento delle associazioni giovanili, dei gruppi collettivi, ecc. affinchè nessuno venga escluso dall'amministrazione e si senta fuori dal giro".
Quanto alle deleghe. Piscopo si occuperà di Politiche urbane, beni comuni, spazio pubblico e beni confiscati. Per la Clemente l’impegno è sulle politiche giovanili e innovazione.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©