Politica / Napoli

Commenta Stampa

Comune, Palmieri: "assemblea del popolo cambia nome, ma la sostanza?"


Comune, Palmieri: 'assemblea del popolo cambia nome, ma la sostanza?'
08/11/2011, 10:11

“Fa piacere l’annunciata decisione di voler rivisitare il progetto ‘Assemblea del popolo’, organismo immaginato per favorire la partecipazione dei cittadini alla vita del Comune di Napoli, buono nei propositi ma, com’ebbi a dire in tempi non sospetti, discutibile nei contenuti”.

Così, oggi, a margine della riunione odierna della Commissione Beni Comuni, il consigliere comunale Domenico Palmieri, capogruppo di Liberi per il Sud del Consiglio comunale di Napoli, per il quale “oltre al cambio del nome e agli opportuni ritocchi annunciati dall’assessore Lucarelli al progetto iniziale, sarebbe opportuno fermarsi a riflettere sul fatto che è il Consiglio comunale, in quanto assemblea degli eletti del popolo, il naturale interfaccia dell’esecutivo e che, pertanto, sarebbe quella la sede ideale del confronto e della partecipazione reale della città, nelle sue diverse forme associative, alle scelte dell’amministrazione”.

“Diversamente, e su questo invito l’assessore ad una riflessione di merito, - aggiunge Palmieri - si rischia lo svilimento istituzionale di un Consiglio comunale al quale, malgrado un preciso mandato elettorale, altro non rimarrebbe da fare che restare lì a guardare il come, il quando e il perché l’amministrazione adotta determinate scelte con le ‘sue’ associazioni”. Ma siamo certi che sia questa la volontà dell’assessore Lucarelli”.

“Un’ipotesi, questa che presterebbe peraltro il fianco anche al sospetto di una volontà-necessità di dover recuperare, proprio dal basso, quel consenso che per le più svariate ragioni è andato via via scemando”, conclude l’esponente di Liberi per il Sud.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©