Politica / Regione

Commenta Stampa

Confapi Campania: "chiamiamo a raccolta il sistema delle imprese locali"


Confapi Campania: 'chiamiamo a raccolta il sistema delle imprese locali'
13/02/2012, 14:02

Napoli, 13 febbraio 2012. Confapi Industria Campania, Api Napoli, UnionMeccanica Api Napoli e Aniem Api Napoli chiamano a raccolta il sistema delle imprese locali: tutte le associazioni di categoria territoriali devono discutere insieme su precise proposte contro l’inadempienza della Pubblica Amministrazione, tema di assoluta priorità per la sopravvivenza dell’economia locale.

«E’ fondamentale essere compatti su questo argomento – tuonano all’unisono tutti i rappresentanti del sistema locale Confapi -, le CCIAA d’Italia oggi si incontrano per un convegno sul sostegno da dare alle imprese, a cominciare dalla possibilità che i crediti certi ed esigibili maturati nei confronti delle Regioni e degli Enti locali possano essere compensati con i tributi fiscali. Le associazioni tutte devono rispondere al nostro appello».

In questi giorni i membri Confapi chiederanno alla Camera di Commercio di Napoli, luogo particolarmente indicato come sede del tavolo di confronto, la possibilità di far partire in quella sede i lavori.

Ecco i primi punti su cui la Federazione intende discutere:

- supporto alla proposta del Fondo di Garanzia presentata dal Presidente Caldoro al Governo, attraverso le riserve accantonate per il Patto di stabilità;

- immediato sblocco della prima tranche di 1 miliardo di euro che la Regione ha previsto per i crediti alle PMI che lavorano per il Sistema sanitario;

- possibilità di organizzare in Campania, come accaduto in Lombardia, l’iniziativa “Credito Adesso”, con un accordo di 250 milioni di euro messi a disposizione dalla BEI e dal Sistema Bancario Italiano per le esigenze di finanziamento legate al capitale circolante;

- destinazione di vari “tesoretti” accantonati da Enti locali al pagamento delle imprese;

- coinvolgimento di tutti i parlamentari italiani sul problema;

- “mission” specifica della Banca del Sud per la soluzione del problema;

- possibilità di poter scontare sul fronte fiscale almeno parte dei crediti maturati verso la Pubblica Amministrazione

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©