Politica / Regione

Commenta Stampa

Un progetto coordinato dalla Regione Campania

Convegno:"Tracciabilità e rintracciabilità degli alimenti"


.

Convegno:'Tracciabilità e rintracciabilità degli alimenti'
29/09/2009, 16:09

Nella sala Archimede della Città della Scienza si è svolto il convegno “Tracciabilità e rintracciabilità degli alimenti ogni giorno a tavola”. L’incontro, organizzato dalla Regione Campania e dall’istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, ha visto la collaborazione del Consorzio per la Ricerca Applicata in agricoltura,dell'O.R.S.A, dell’Università Federico II di Napoli, dell’Università di Salerno e della Seconda Università di Napoli. Presenti, tra gli altri, il Commissario dell’Istituto zooprilattico sperimentale del mezzogiorno Antonio Limone e l’assessore regionale all’agricoltura Gianfranco Nappi.
L'obiettivo del lavoro, strettamente coordinato, tra i vari istituti e le diverse associazioni coinvolte nel progetto, è quello di seguire, tracciare ed eventualmente rintracciare i prodotti eno-gastronomici; garantendo, in tal modo, la massima qualità degli alimenti che finiscono sulla tavola dei consumatori. Un progetto di ricerca, sviluppo e monitoraggio già attivo e per il quale si stanno muovendo in maniera concertuale le istituzioni e gli istituti coinvolti. L'obiettivo è quello di creare una rete di controlli che possa seguire l'intera filiera del prodotto; a partire dall'ambiente che circonda frutta, ortaggi ed ogni genere di prodotto della terra. Stesso discorso, ovviamente,  vale per le zone nelle quali  vivono e pascolono bovini e animali utilizzati per la produzione del latte, formaggi e carne.
Una vero e proprio bollino di qualità (e sicurezza) che va al di la dei vari D.O.P e D.O.C e che mira a fornire garanzie che partono dalle estreme e profonde radici delle coltivazioni e degli allevamenti. Non a caso, l'acronimo del nuovo bollino proposto dall'Istituto Zooprofilattico sperimentale del mezzogiorno è "D.O.A.G" (Di origine ambientale garantita).

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©