Politica / Regione

Commenta Stampa

Convention Socialista al Teatro Comunale di Caserta: De Luca: “No a potentati politici né appoggi della camorra"


Convention Socialista al Teatro Comunale di Caserta: De Luca: “No a potentati politici né appoggi della camorra'
14/02/2010, 13:02

Il futuro della Regione Campania, l’ambiente, il lavoro e la lotta alla camorra nell’intervento del candidato alla presidenza della Regione per il centro sinistra, VINCENZO DE LUCA, che questa sera ha incontrato amici e simpatizzanti del PSI nell’incontro che si è svolto presso il Teatro Comunale.
All’appuntamento, voluto ed organizzato dal Partito Socialista di Terra di Lavoro, ha preso parte l’intero staff dirigenziale del Gruppo regionale.
Padrone di Casa, il consigliere regionale casertano GENNARO OLIVIERO, capogruppo consiliare del Partito Socialista.
Di seguito la cronaca della serata che è stata aperta dal saluto di Pasquale Corvino, segretario cittadino del PSI: “Siamo onorati della scelta di De Luca di essere a Caserta per l’apertura della sua campagna elettorale. L’impegno del nostro partito sarà totale a sostegno del candidato del centro sinistra alla Regione. Siamo convinti che l’elezione di De Luca a presidente della Campania possa avere un effetto importante per Caserta e per la Regione tutta”. Corvino ha concluso il suo intervento ricordando l’orgoglio socialista e con l’augurio di rivedere presto Vincenzo De Luca a Caserta a testimonianza della sua attenzione per il territorio e, dal 30 marzo prossimo, quale presidente della Regione.
E’ stata quindi la volta del Sindaco di Caserta, Nicodemo Petteruti che ha ricordato la sinergia costante con il Partito Socialista nel corso della sua esperienza amministrativa: “In questi giorni ho visto crescere in modo esponenziale il consenso intorno all’idea di una Regione a guida progressista. Abbiamo di fronte una battaglia non semplice ma De Luca ha tutte le qualità per vincere questa competizione.
Intervento squisitamente politico per il capogruppo regionale del PSI, Gennaro Oliviero che ha innanzitutto ringraziato i compagni campani del Partito per aver consentito che l’iniziativa di avvio ufficiale della campagna elettorale del PSI con il candidato Presidente della Regione si svolgesse a Caserta, un territorio- ha ricordato- impegnato contemporaneamente con amministrative, provinciali e regionali. “La nostra è indubbiamente una Regione che mostra ancora molte criticità- ha detto- ma è una Regione che necessita soprattutto di essere amministrata con coerenza e coraggio anche invertendo la rotta, laddove necessario. Un discorso che vale soprattutto per Terra di Lavoro. Su questo- ha concluso- i Socialisti sono pronti a dare la loro mano, il loro contributo per un disegno comune che metta intorno al tavolo Regione, Provincia e Comuni per una difesa reale del territorio”.
E di orgoglio socialista ha parlato anche Marco Di Lello, già assessore della giunta regionale che non ha mancato poi di accusare apertamente l’ex Presidente Bassolino: “Apriamo oggi di fatto la campagna elettorale per la competizione alle regionali e ci ritroviamo, fortemente ancorati al nostro straordinario orgoglio. I socialisti in Campania avrebbero avuto molti motivi per fare scelte diverse soprattutto alla luce di quanto accaduto a Roma, con Walter Veltroni ed a Napoli con Antonio Bassolino che hanno optato di fatto per una battaglia politica nei confronti di questo Partito. Ma l’orgoglio socialista non viene scalfito e forti della nostra coerenza abbiamo continuato a portare avanti quelle che riteniamo battaglie giuste e continuiamo ad essere qui, a sinistra. Perché non si non si può fare diversamente. Perché storicamente questo Partito ha guardato a sinistra”.

Applauditissimo l’intervento forte, accorato di Vincenzo De Luca. Un fiume in piena. Un lungo elenco di dati concreti e di soluzioni possibili per rimarcare che un’altra Campania è possibile. Che insieme si può invertire la rotta e chiudere con un passato di clientele, di malaffare, di gestione clientelare della cosa pubblica. “Ci unisce- ha dichiarato De Luca alla platea socialista del Teatro Comunale- l’idea di sinistra che un disoccupato non è un elemento naturale ma è il più grande problema della politica. Ed è questo che ci differenzia dalle destre. Sono felice di aver riscontrato questo forte orgoglio socialista che ho avvertito tra la gente e che dovete far pesare in campagna elettorale. La vostra è una storia complessa, fatta di limiti ed errori ma che è radicata nella storia politica italiana. Ed è da qui che voglio partire, dalla nostra capacità di risvegliare la militanza e da qualche nervosismo provocato nei nostri avversari che cominciano ad sentire che c’è in Campania, una battaglia che si è riaperta dove davano per scontato di aver già vinto. Qui oggi a Caserta si apre questa avvincente battaglia, sulla base di una linea comune che è di dialogo e di colloquio a tutto campo. Noi parliamo a tutte le persone per bene, di centro, di destra e di sinistra e facciamo appello a tutti i cittadini perché decidano a chi affidare il destino di questa Regione: loro, noi tutti, abbiamo la possibilità di scegliere tra un uomo libero o uno condizionato che guidi in futuro questa a Regione. Ed io- ha dichiarato De Luca- di cambiali da pagare alla camorra non ne ho”.
L’altro messaggio di Vincenzo De Luca è quello di un rinnovamento radicale: “Dobbiamo smetterla di considerare chi sta nelle istituzioni come un notabile. Non lo è. E’ semplicemente un uomo al servizio della gente che ha il compito di affrontare temi prioritari a partire da quello del lavoro. Basta con la gestione clientelare dei fondi: in 3 anni non un solo cantiere è stato aperto. La sinistra pensa invece a grandi progetti: possiamo essere il più grande cantiere d’Europa: la nostra costa può diventare un grande distretto turistico, dobbiamo bonificare il litorale, depurare le acque, realizzare alberghi e rivalutare aree archeologiche e patrimonio culturale. Abbiamo una miniera d’oro e nessuno ci vieterà di realizzare un unico grande distretto turistico da 50 mila posti di lavoro nei prossimi 3 anni. Ecco. Questa è la proposta della sinistra”.
Ed ancora Sanità (“Ogni anno 100 mila cittadini sono costretti a curarsi in altre regioni), Politiche Sociali (“Siamo l’unica regione d’Italia per quanto riguarda gli asili nido”), Ambiente e burocrazia. Questi i temi delineati da De Luca nel suo lungo intervento alla folta platea di oltre 500 rappresentanti del Partito Socialista riuniti a Caserta, al Teatro Comunale, per il via di questa competizione elettorale.
Un ultimo passaggio De Luca lo ha riservato alla sua gente stipata nel Teatro di via Mazzini: “ Chiedo a tutti di fare una battaglia di libertà e dignità umana. Vedo intorno a noi un clima positivo. E se voi scenderete in campo tutti da subito, avremo risultati importanti. La nostra forza non sono i potentati politici né i clan della camorra: la nostra forza sono i nostri militanti e la nostra capacità di trasmette questi valori alla nostra terra. Lavoriamo su questa strada e senza lasciarci condizionare”.
All’incontro hanno preso parte, oltre ai menzionati relatori, anche il segretario regionale del partito, Fausto Corace, il Vice Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Gennaro Mucciolo ed il Segretario della Federazione di Caserta, Mimmo Dell’Aquila.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©