Politica / Regione

Commenta Stampa

Coordinamento Campania per la gestione pubblica dell'acqua

Conferenza stampa di presentazione

Coordinamento Campania per la gestione pubblica dell'acqua
23/07/2013, 11:43

NAPOLI - Legge regionale: va bocciata la proposta Caldoro a favore della privatizzazione dell’acqua

i Comitati propongono rispetto per i referendum del 2011

 

Nasce il Progetto Acqua Pubblica - lo Studio di Fattibilità sara’ nelle mani della Giunta

la questione da risolvere: come trasformare una legge al servizio delle lobby in

una legge a favore dei cittadini

la parola agli Esperti, che trovano una soluzione in  quattro mosse

 

 

All’avviola prima petizione popolareper l’acqua pubblica

La richiesta al Presidente: una Commissione d’Inchiesta Partecipata sul Diritto all’Acqua

 

Appello al Sindaco di Napoli: fate presto!  urge la “messa in sicurezza di ABC

La Giunta della Regione Campania ha approvato la proposta di legge sull’acqua, per il riordino degli ATO e per l’affidamento delle gestioni… ai privati. 

 

Per i comitati: “Se questa norma passasse in Consiglio, diventerebbe uno strumento per armare le multinazionali dell’acqua contro i cittadini. Chiediamo il ritiro della delibera di Giunta”.

 

Le privatizzazioni in Campania hanno provocato disastri: la Corte dei Conti ha messo sotto inchiesta le attività dell’ex ARIN SpA, la Regione condona 70 milioni di euro di debiti alla GORI SpA (ci guadagnano l’italiana ACEA SpA ela francese SUEZ SpA) e li sottrae ai servizi essenziali per i cittadini. Nonostante i costi caricati in bolletta, nell’Italia privatizzata le reti idriche perdono il 65% di acqua e 6 depuratori su10 inCampania sono fuorilegge.

 

I Comitati richiamano le Istituzioni al loro dovere: “Devono invertirela tendenza. E’ criminale premiare e finanziare i disastri delle multinazionali. Stanno impoverendo e provocando sofferenze alle famiglie. Nella sola Napoli vi sono 44 mense per i bisognosi; cresce in maniera catastrofica il numero  di cittadini finiti sotto le macerie della crisi.”

 

Il Coordinamento per l’Acqua Pubblica si è incontrato d’urgenza a Napoli, per discutere una soluzione da proporre alla Regione Campania. Nasce il Progetto Acqua Pubblica, uno studio di fattibilità per trasformare una legge di privatizzazione in una norma a tutela dei diritti dei cittadini. Il testo giuridico individua quattro criticità e le risolve con alcuni semplici accorgimenti.

 

1) Gestione e controllo pubblico dell’acqua. Il testo della Regione impedisce la gestione pubblica imponendo un modello di organizzazione valido solo per le multinazionali. Arriva a invertire i rapporti e programmare il controllo delle società private sulla pubblica amministrazione. L’acqua è un diritto, non una merce, bisogna introdurre il modello di gestione pubblica e ripristinare l’ordine democratico nei rapporti tra governo e governati.

 

2) Minimo vitale garantito. L’Organizzazione Mondiale della Sanità fissa in50 litria giorno la misura d’acqua necessaria per la sopravvivenza dell’uomo. La Regione deve riconoscere il diritto ai50 litripro capite.  

 

3) La partecipazione dei cittadini alle scelte. Le Convenzioni internazionali prevedono le forme di partecipazione dei cittadini alle decisioni. La proposta regionale non prevede nessuna possibilità. Basta introdurla.

 

4) Rispetto dell’ambiente. La proposta regionale enuncia il principio di tutela dell’ambiente e poi lo vìola. Bisogna puntare a ridurre lo spreco di acqua potabile nell’industria e in agricoltura.  La norma punta invece il dito sui cittadini e li perseguita con le sanzioni economiche, per fare cassa.

 

Al via la petizione popolare: ai sensi dell’art. 16 della Statuto della Regione Campania i Comitati per l’acqua pubblica chiedono una Commissione d’Inchiesta Partecipata sul Diritto all’Acqua, per indagare: sul mancato rispetto dei referendum in Campania; sui disastri e gli sprechi delle privatizzazioni; sugli aumenti tariffari indiscriminati; sulle ecomafie dell’acqua. Della Commissione dovranno far parte rappresentanti delle Istituzioni e dei Comitati cittadini in difesa dell’acqua.

 

Appello al Sindaco di Napoli: “ E’ un terremoto politico. Fate presto! Lavorate senza sosta alla “messa in sicurezza” dell’ABC. Non c’è più tempo, Napoli è sotto attacco”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©