Politica / Napoli

Commenta Stampa

Coprifuoco a Scampia, Pisani: “Finalmente un po' di verità ed anche un 'mea culpa'"


Coprifuoco a Scampia, Pisani: “Finalmente un po' di verità ed anche un 'mea culpa''
09/02/2012, 14:02

Coprifuoco a Scampia, Pisani: “Finalmente un po' di verità ed anche un 'mea culpa'. Caldoro non si meraviglia ma ammette che il coprifuoco e' stato imposto ed e' figlio della malapolitica, analizzando le negligenze ed omissioni della pubblica amministrazione . Ma questo non basta e non risarcisce i gravissimi danni e le assurde mortificazioni subite dai cittadini di Scampia che hanno diritto al riscatto ed al rispetto. Finora invece sono stati offesi da politici incapaci e negligenti che sono la fortuna della criminalità tendente ad occupare spazi lasciati vuoti dallo Stato. Caldoro - rimarca il presidente della 8^ municipalità AngeloPisani - , pur non nascondendo i problemi della criminalità che ogni giorno contrastiamo con tutti i mezzi a disposizione, finalmente ha detto una verità ': il degrado di Scampia e' tutta colpa della politica . Ma ricordi che, in qualità di presidente della Regione, ha il dovere di recuperare il tempo perso e rimediare ai gravi danni provocati al territorio che presto sarà tra l'altro l’ epicentro della nuova città metropolitana". “Apprezziamo – continua Pisani - i buoni propositi ma non permetteremo più che la politica faccia solo promesse e passerelle, dobbiamo far vivere il quartiere e creare servizi, perché la camorra si combatte con i fatti e non con le chiacchiere. Tutti i rappresentanti delle istituzioni sappiano che lo sviluppo si ottiene offrendo alternative, con fatti e buoni esempi che deve dare la politica in luogo dello strumentalizzato coprifuoco da essa stessa generato e che rischia di diventare il nemico della legalità e della qualità della vita” . “Tutti i giorni - ricorda Pisani - le istituzioni e le personalità dei mass media devono occuparsi e non solo ‘occupare’ Scampia perché insieme si può raggiugere la svolta e fare passi da giganti. Invitiamo ed aspettiamo domani sera per la passeggiata a Scampia, Caldoro, Cesaro. de Magistris, la picierno e soprattutto Saviano per conoscere realmente la gente ed il territorio anche al fine di sfatare miti e strumentalizzazioni ancora più dannosi e pericolosi della malavita che rispetto alle buone opere ha spesso vita breve.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©