Politica / Parlamento

Commenta Stampa

COSENTINO (PDL): MANCA LA FIDUCIA NELL'ESECUTIVO REGIONALE


COSENTINO (PDL): MANCA LA FIDUCIA NELL'ESECUTIVO REGIONALE
06/10/2008, 16:10

“Napoli e la Campania hanno una classe politica e di governo priva del consenso necessario a generare la credibilità di cui le istituzioni hanno bisogno per dialogare e sopravvivere”. Lo ha affermato il coordinatore di Forza Italia Campania, Nicola Cosentino, intervenendo al secondo forum del Popolo della Libertà, in programma oggi, a Napoli.

“L’esempio più calzante – ha spiegato il parlamentare - è rappresentato dall’uscita dall’emergenza rifiuti, avvenuta nel giro di due mesi, senza dover far ricorso alla montagna di milioni, che quattordici anni di continua emergenza avevano assorbito, senza annoverare un solo successo. Certo, mai come in questo caso è servito un piano d’azione credibile e uno staff efficiente, in grado di governare il difficile e delicato processo di ritorno alla normalità. Ma ciò che maggiormente si è dimostrato utile allo scopo è stato il carisma di un uomo in cui i napoletani, come la maggioranza degli italiani, avevano riposto la loro fiducia: Silvio Berlusconi”.

“La fiducia nella maggioranza dei cittadini – ha aggiunto - è quella che oggi manca al sindaco e al Governatore. E più di ogni altra cosa influisce sulle scelte. Non è quindi il consenso di una parte della popolazione a reggere le istituzioni, bensì le alchimie di una maggioranza politica dagli interessi spesso divergenti, che può annoverare ex democristiani, ex socialisti, ex comunisti, inglobando i forcaioli di Di Pietro, e i marziani di una sinistra non più rappresentata in Parlamento”.

“Se questa pericolosa condizione genera un solco sempre più profondo tra istituzioni e società civile, va anche detto che per rimettere le cose in ordine è necessario ridare la parola agli elettori. Al più presto. Sono loro, e non i partiti – ha concluso Cosentino - gli arbitri di una partita che noi politici abbiamo solo il compito di giocare. Giocare sino a quando rappresentiamo veramente qualcuno”.

.

 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©