Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Intantoil Pdl chiede ispezione alla Procura di Napoli

Cosentino rinuncia a correre per la Campania?


Cosentino rinuncia a correre per la Campania?
12/11/2009, 12:11

ROMA - Ufficialmente resta ancora il candidato in pectore che il Pdl presenterà il 28 e 29 marzo 2010 per le elezioni regionali in Campania. Ma in realtà Nicola Cosentino rischia di diventare più un ostacolo che una risorsa, per il suo partito. Tanto che aumentano le voci di un Berlusconi che, pur senza scaricarlo ufficialmente, gli ha consigliato di fare un passo indietro, a proposito della sua candidatura. In questo caso sarebbero già pronti Stefano Caldoro o il sottosegretario al Lavoro Pasquale Viespoli. Ma Cosentino nega che ci siano problemi e ha affermato che sarà Berlusconi a decidere sulla sua candidatura.
Intanto parte la controffensiva del Pdl, contro la Procura di Napoli, con l'arma più forte che hanno: l'ispezione ministeriale. E così diversi parlamentari del partito del Presidente del Consiglio hanno chiesto al Ministro per la giustizia Angelino Alfano di inviare una ispezione a Napoli, motivandola con un fatto accaduto nei giorni scorsi: una intervista rilasciata dal Procuratore Generale del capoluogo campano Vincenzo Galgano nella quale lo stesso appoggia apertamente Nicola Cosentino, dichiarando che su di lui "al momento non ho nulla da dire"; inoltre parlava di "fanatismo" di alcuni Pubblici Ministeri. Intervista che ha provocato una lettera di protesta firmata da 72 Pubblici Ministeri.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©