Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il premier contestato all’arrivo a palazzo Chigi

Crisi, Berlusconi e Tremonti: “Pareggio bilancio anticipato”

A breve speciale G7 dei ministri delle Finanze

Crisi, Berlusconi e Tremonti: “Pareggio bilancio anticipato”
05/08/2011, 20:08

ROMA - La politica si muove per provare ad arginare la crisi sui mercati. Per la prossima settimana sono state convocate le Commissioni Affari costituzionali e Bilancio di Montecitorio. Le novità in merito, sono state annunciate in conferenza stampa dal premier Silvio Berlusconi e dal ministro dell’economia Giulio Tremonti.

Il presidente del Consiglio è arrivato a palazzo Chigi alle 19,27: per il cavaliere tante le contestazioni. Davanti alla sede del Governo si trovava, infatti, un nutrito gruppo di curiosi che al suo passaggio hanno urlato: ''Buffone, buffone'', ed ancora ''Hai rovinato l'Italia, vai a casa''.  

In conferenza Berlusconi ha, come sempre, fatto bella mostra del suo ottimismo, annunciando assieme a Tremonti un anticipato pareggio di bilancio, nel 2013 anziché nel 2014. “Questo non significa che l'Italia è governata dalla Banca centrale europea - ha precisato il presidente del consiglio rispondendo in conferenza a una domanda sul ruolo di Francoforte nelle decisioni dell'esecutivo - rispondiamo a una esigenza dei mercati che non sono governati da nessuno, neanche da uno speculatore. Hanno una vita indipendente, anche dalla realtà economica dei Paesi". Non solo. Il numero uno del Consiglio Italiano ha anche annunciato un G7 speciale dei ministri delle Finanze, che vorrebbe convocare tra pochi giorni.

Tremonti dal canto suo ha esortato Camera e Senato alla collaborazione, comunicando anche l’intenzione di modificare articolo 41 per le liberalizzazioni. “Il governo – ha detto -  varerà la madre di tutte le liberalizzazioni con la modifica dell'articolo 41 della Costituzione. Tutto è libero tranne ciò che è espressamente vietato”. Il ministro ha anche Tremonti sottolineato la necessità di approvare subito la delega assistenziale.

E, ancora una volta, il premier rivolgendosi alle opposizioni ha ribadito la disponibilità ad accettare contributi: “Noi siamo sempre stati disponibili a discutere un miglioramento delle nostre proposte con chi fosse portatore di idee di miglioramento e lo siamo anche questa volta".
Sono perplesse le parti sociali, mentre rimane al momento in silenzio Confindustria.

Nel pomeriggio, secondo il quotidiano spagnolo “El Mundo” che tra l’altro cita fonti italiane, Berlusconi avrebbe avuto un colloquio telefonico con il primo ministro spagnolo, Jose Luis Rodriguez Zapatero e con il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy per discutere della situazione sui mercati.

Ed una lunga telefonata, ci sarebbe stata anche tra Tremonti ed il segretario al Tesoro Usa, Timothy Geithner. I due si sarebbero soffermati ad analizzare la situazione economica e dei mercati di questi ultimi giorni, anche alla luce dei contatti internazionali in corso in queste ore.

E dal Pd c’è soddisfazione per la convocazione delle commissioni. “E' giusto che il Parlamento segua costantemente la crisi ed è bene che il governo riferisca su quanto sta avvenendo” , spiega Pierpaolo Baretta, capogruppo Pd in commissione Bilancio.

 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©