Politica / Parlamento

Commenta Stampa

È dal dicastero dello Sviluppo che arriva l’allarme

Crisi: il ministro Passera parla di recessione

“Ma ce la faremo se lavoreremo insieme”

Crisi: il ministro Passera parla di recessione
01/12/2011, 21:12

ROMA – A certificare questa fase di estrema difficoltà economica e finanziaria che il nostro Paese sta vivendo è il ministro dello Sviluppo Corrado Passera, che utilizza la parola più temuta: recessione. “Stiamo sicuramente rischiando di rientrare in recessione”, ha infatti affermato, senza troppi giri di parole, il neo ministro dinanzi alla platea di Confcommercio. “Siamo in un momento molto difficile” ha osservato il ministro, in cui l’emergenza numero uno è rappresentata dal “disagio occupazionale”: a fronte di ciò, sono state queste le parole di Passera, il governo avrà un compito particolarmente arduo e impegnativo, “quello di mettere insieme provvedimenti che sappiano suddividere sacrifici e benefici”. Le parole del ministro dello Sviluppo piacciono al segretario della Cgil, Susanna Camusso, per la quale “rappresentano un segnale importante, perché significano rendersi conto che questo tema trascurato nei tre anni precedenti è invece una grande emergenza”.
Accolto dagli applausi della platea dei commercianti nel suo primo impegno pubblico da ministro, Passera ne ha condiviso le richieste e le proposte, ha elencato quelle che anche per lui sono le priorità del Paese (produttività, servizi, turismo, semplificazione, concorrenza, Mezzogiorno) e ha assicurato che il lavoro del governo sarà determinato e continuo: “Anche se abbiamo perso credibilità - ha aggiunto - possiamo sorprendere positivamente i mercati. Ce la faremo se sapremo lavorare insieme”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©