Politica / Politica

Commenta Stampa

Crisi Ippica, Lopa: "manifestazione a Montecitorio"


Crisi Ippica, Lopa: 'manifestazione a Montecitorio'
13/01/2012, 16:01

Con la legge 200/2003 si pensa di aver risolto i problemi relativi alla gestione del comparto scommesse ippiche; ma tutto ciò non è avvenuto. Pertanto, visti gli attuali problemi burocratici, gestionali e di mercato, auspichiamo di ricondurre in un'unica gestione tutte le attività ippiche che, come è noto a tutti, prima della riforma Visco funzionavano egregiamente. Cosi è intervenuto il Rappresentante della Consulta Nazionale dell’Agricoltura, Rosario Lopa, a margine della manifestazione di ieri pomeriggio a Montecitorio del comparto Ippico Nazionale. La scommessa ippica è definita di competenza e quindi destinata ad un pubblico che conosce l'attività ippica. La vendita dei prodotti ippici comporta appropriata tecnologia per proporre i relativi prodotti al pubblico; inoltre, per entrare in competizione con Altri prodotti in ricevitoria, occorrerebbe una unificazione delle aliquote fiscali e della percentuale da riconoscere ai ricevitori, al fine di competere solo per prodotti (giochi e scommesse) da offrire all'utente finale. Sarà necessario, ha ribadito l’esponente dell’Agricoltura,avere una concertazione continua e un confronto serrato con il mondo dell'ippica italiana e far partire un nuovo e concreto progetto di ristrutturazione del settore, che comprenda anche il reperimento delle risorse sufficienti a far ripartire rapidamente le attività.
Iniziativa essenziale per il superamento della crisi che investe l'intera filiera attraverso anche il cambiamento del prelievo fiscale sul movimento delle scommesse e che, se adottato, non dovrebbe determinare nessun esborso da parte dello Stato e dovrebbe creare le condizioni per il rilancio economico del settore. E' riduttivo, ha concluso Lopa, parlare solo di montepremi quando i problemi sono più ampi e più complessi, auspico che da subito si possa definire un protocollo programmatico che possa riportare l'ippica italiana in un equilibrato rapporto economico gestionale.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©