Politica / Parlamento

Commenta Stampa

CRISI SANITÀ: IL DE LUCA E IL ROSSANO NON SI TOCCANO


CRISI SANITÀ: IL DE LUCA E IL ROSSANO NON SI TOCCANO
09/10/2008, 17:10

 

"Il piano di riorganizzazione della rete ospedaliera regionale non può prevedere tagli al De Luca e Rossano. Difenderò con i denti tutti i reparti del nostro ospedale. Sono sicuro che si tratta di un errore perchè i dati sul nosocomio di Vico Equense fanno rilevare che i parametri occupazionali sono superiori ai minimi richiesti anche per ciò che concerne il rapporto ricoveri e personale dedicato. Inoltre va sottolineato che il De Luca e Rossano è accorpato alla struttura di Sorrento, egualmente produttiva ed efficiente, e rappresenta un unico presidio ospedaliero. Stiamo già lavorando nella direzione di diversificazione delle attività tra i due plessi, evitando doppioni e puntando al potenziamento dei reparti. Invito la Regione ad effettuare rapidamente una verifica e ad intervenire per un rilancio del presidio ospedaliero Vico-Sorrento in coerenza con la strada intrapresa”.
Con queste parole il sindaco di Vico Equense Gennaro Cinque si dichiara determinato nel difendere una struttura efficiente che rappresenta l’unico punto di riferimento per tutti gli abitanti della penisola sorrentina e che invece, con la riorganizzazione prevista dalla Regione, rischia di perdere numerosi posti letto. A testimoniare la produttività dell’ospedale sono i numeri. Nel 2007 sono stati 8126 i ricoveri, 1235 le nascite, 2096 gli interventi di chirurgia al De Luca e Rossano. A questi vanno aggiunti quelli relativi alle attività ambulatoriali, come riportato di seguito:
 
 

ANESTESIOLOGIA
615
CARDIOLOGIA
917
EPATOLOGIA
311
DIABETOLOGIA
1690
REUMATOLOGIA
120
DISLIPIDEMIA
477
CHIR. GENERALE
1016
CHIR. VASCOLARE
107
ENDOCRINOLOGIA
455
GASTROENTEROLOGIA
44
PNEUMOLOGIA
2046
OSTETRICIA E GINECOLOGIA
3212
OCULISTICA
772
ANALISI RICOVERATI
281584
ANALISI ESTERNI
72440
RADIOLOGIA INTERNI
9905
RADIOLOGIA ESTERNI
1450
 
 
ATTIVITA’ SALA PARTO
1981
 
 
ACCESSI P.S.
13394

 
 
 
Se ricordiamo, inoltre, che vanno sommati anche i dati relativi alla struttura di Sorrento, si rende ancora più evidente l’intensa attività del presidio ospedaliero. “Stiamo già lavorando per la razionalizzazione dei due plessi- aggiunge Lello Esposito, assessore alla sanità - per evitare doppioni. Attualmente non esistono reparti inefficienti. Mi sembra surreale l’ipotesi di un ridimensionamento”. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©