Politica / Regione

Commenta Stampa

L’opposizione insorge: sembra sia stata fatta la carità

Crollo Afragola, la Regione stanzia 30mila euro per le vittime


Crollo Afragola, la Regione stanzia 30mila euro per le vittime
04/08/2010, 12:08

NAPOLI - Trentamila euro saranno stanziati dalla Regione Campania a favore dei familiari diretti delle tre vittime del crollo della palazzina nel Comune di Afragola. Lo ha deciso il Consiglio regionale, convocato in via di urgenza dal presidente Paolo Romano, di intesa con i capigruppo. In apertura di seduta, il Consiglio ha commemorato - osservando un minuto di silenzio - i militari italiani Mauro Gigli e Pier Davide De Cillis, caduti in Afghanistan "dove erano impegnati con dignita' e coraggio nella missione di pace che vede impegnata l'Italia" e le vittime del crollo di Afragola, auspicando pronta guarigione per la piccola Imma, sopravvissuta alla tragedia e "simbolo di vita e di speranza", ha sottolineato Romano. Il Consiglio ha, quindi, approvato a maggioranza - con l'astensione di Udc, Pd, Pse, Idv e Api - una proposta di legge che stanzia 30 mila euro a favore dei familiari diretti delle tre vittime del crollo della palazzina nel Comune di Afragola: i coniugi Pasquale Zanfardino ed Enrica Tromba e la signora Anna Cuccurullo. Nelle dichiarazioni di voto, il capogruppo dell'Udc Luigi Cobellis ha spiegato: "Condividiamo l'iniziativa di solidarieta', ma sia per l'importo stanziato, che e' solo caritatevole, sia per il percorso politico attuato, non siamo soddisfatti e ci asteniamo sul provvedimento".
Anche per il capogruppo del Pse Gennaro Oliviero "l'atteggiamento del Consiglio regionale e' sbagliato e insufficiente perche' limitato alla carita'. Avevamo, infatti, proposto un emendamento per istituire un fondo piu' ampio per le vittime di calamita', ma non e' stato accolto". "Il Consiglio si limita a un mero contributo assistenziale, mentre avrebbe dovuto affrontare la problematica della prevenzione di tragedie come quelle di Afragola e del risanamento dell'edilizia privata in maniera complessa", ha aggiunto il capogruppo di Idv, Edoardo Giordano. "Il provvedimento e' condivisibile per la manifestazione di solidarieta', ma evidenzia i limiti di questo Consiglio regionale straordinario che e' stato riunito per un'intera giornata quando sarebbe stata sufficiente una delibera adottata in dieci minuti" ha rimarcato il consigliere di Alleanza per l'Italia, Giuseppe Maisto. "Questo Consiglio regionale deve programmare e legiferare e non approvare provvedimenti una tantum - ha stigmatizzato il capogruppo del Pd Giuseppe Russo -; se la maggioranza non e' in grado di fare cio', l'opposizione ritirera' la sua disponibilita' al dialogo". Il Consiglio ha anche approvato, a maggioranza, con il voto contrario della minoranza, un ordine del giorno, proposto dal consigliere Luciano Schifone, per impegnare la giunta alla riqualificazione del patrimonio edilizio privato esistente.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©