Politica / Regione

Commenta Stampa

Da domani la Campania a Vinitaly 2011


Da domani la Campania a Vinitaly 2011
06/04/2011, 17:04

Si apre domani, giovedì 7 aprile, Vinitaly 2011. La grande fiera espositiva di Verona si concluderà lunedì 11. La Campania esporrà nel padiglione B di Verona Fiere.  Nel corso della giornata d'apertura si terrà alle 16, presso la Sala Azzurra del Palazzo dei Congressi, la consegna della prestigiosa “Medaglia di Cangrande”.

Il “Benemerito della vitivinicoltura italiana 2011”, che verrà premiato dall'assessore Vito Amendolara, è Gimmo Cuomo, redattore del Corriere del Mezzogiorno, autore della rubrica settimanale “Mosto sacro” e autore di sette edizioni di “Campania da bere – Piccola antologia critica dei vini campani”. Il premio, istituito nel 1973, mette in luce una personalità distintasi, nella propria regione, per aver saputo promuovere e valorizzare la cultura vitivinicola.

Il comparto vitivinicolo in Campania è cresciuto enormemente negli ultimi anni. Oggi la regione è al primo posto nell’incremento dell’export tra le regioni italiane. Nei primi sei mesi del 2010 si è avuto un incremento del 27% rispetto al 2009 (22 milioni di euro), confermando il trend positivo degli anni precedenti (21 milioni di euro nel 2008 e 18 milioni nel 2007). In particolare, ne hanno tratto beneficio le aziende medio piccole del territorio, anche grazie all’azione di supporto all’internazionalizzazione messa in campo dall’Assessorato all’Agricoltura.

“Si è rivelata vincente – sottolinea l’assessore Amendolara – la scelta realizzata in Campania di scoraggiare l’impianto di vigne con i vitigni internazionali e di puntare su quelli autoctoni. Oggi contiamo sul nostro territorio oltre 100 vitigni autoctoni, con 400 produttori, contro le 200 aziende di cinque anni fa, e 6.500 etichette. Abbiamo 18 vini doc, 3 dogc, 9 igt, e tra i doc e i docg non vi è presenza di vitigni internazionali. Sono infine in istruttoria una nuova docg per l’Aglianico del Taburno e una nuova igt per la Catalanesca del Vesuvio: grandi numeri per un settore sempre più importante e decisivo per lo sviluppo e la crescita della Campania”, conclude Amendolara.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©