Politica / Parlamento

Commenta Stampa

D'Addario: Mi offrirono un seggio a Strasburgo


D'Addario: Mi offrirono un seggio a Strasburgo
27/07/2009, 17:07

La stampa italiana non la pensa quasi e sulle TV italiane è un nome quasi proibito, ma Patrizia D'Addario è spesso intervistata da giornali esteri. E così si scoprono cose nuove. L'ultima la D'Addario l'ha detta al "Journale de dimanche" (Giornale della domenica, ndr), che l'ha intervistata nell'ultimo nulmero. Durante questa intervista, la escort ha riferito che nella primavera di quest'anno Giampaolo Tarantini (l'imprenditore che l'aveva reclutata per allietare le serate - e le nottate - del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi) le aveva chiesto dei documenti, paventandole la possibilità di essere candidata nelle liste del PdL per un posto a Strasburgo. Si tratterebbe dell'ennesima prova che le ragazze - che Berlusconi sceglieva per ruoli istituzionali - erano scelte per motivi che esulavano dalle loro conoscenze individuali.
Intanto oggi il Gruppo L'Espresso ha comunicato di avere dato mandato all'Avvocato Carlo Federico Grosso di querelare l'onorevole Fabrizio Cicchitto, per le sue dichiarazioni. Infatti Cicchitto ha accusato l'Espresso "di utilizzare ogni mezzo, con prevalenza di quelli illeciti, per scardinare gli attuali equilibri politici", per poi concludere: "è evidente che ci si trova di fronte ad un nuovo tipo di eversione".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©