Politica / Regione

Commenta Stampa

Violenti e ripetuti i raid vandalici a Quarto.

Dal Comune, al via l'opera di sensibilizzazione


Dal Comune, al via l'opera di sensibilizzazione
17/06/2010, 11:06

QUARTO (NA) - Ultimamente la realtà di Quarto è balzata agli onori della cronaca locale per una serie di attacchi vandalici che l'hanno resa protagonista. Una delle vittime ricorrenti è la casa comunale di via De Nicola che, in seguito all'ennesimo furto di monitor per computer, si è vista costretta all'installazione di un nuovo allarme collegato direttamente al comando dei vigili urbani e alla tenenza di Quarto. Risale poi a qualche giorno fa la rapina alla Consulta dei Giovani.
La questione sicurezza rappresenta, infatti, un tema delicato per gli edifici pubblici del territorio: nel mirino dei teppisti ci sono molto spesso le scuole.
Si tratta di incursioni, finalizzate al semplice "diletto" di provocare danni, che vanno a  vanificare l'impegno delle istituzioni, volto a garantire il diritto allo studio, mediante scuole più sicure.
"Il fenomeno dei raid vandalici ai danni degli edifici pubblici sta diventando un problema sempre più rilevante. In un anno contiamo numerose incursioni, che procurano poi danni di varia entità. Per ora abbiamo siglato con la Beghelli un accordo per l'installazione di telecamere di videosorveglianza in 9 plessi scolastici del territorio; siamo partiti dalle scuole più vulnerabili, ma passeremo presto agli altri 12 plessi".
"Vorrei lanciare- prosegue l'assessore alla Pubblica Istruzione del comune di Quarto, Domenico Tiseo- un messaggio ai cittadini, affinché imparino a mostrare maggiore attenzione nei confronti del territorio e delle strutture che esso ospita".  Con queste parole, l'assessore quartese racconta, dunque, la necessità di monitorare costantemente le strutture pubbliche, invitando i cittadini ad avere maggiore cura dei beni presenti in città.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©